Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Settembre, 2010

Tralasciando il caso specifico...

Lo sforzo da fare leggendo questo libro e' di sospendere il giudizio sul personaggio Tavaroli, sul quale si sono gia' espressi i giudici, concentrandosi sul panorama informativo che questo libro offre sul mondo delle security aziendali.

Interessante anche il ruolo della stessa nell'accompagnare le attivita' aziendali, e dei suoi manager all'estero, ed il rapporto con i contractor ossia ex-agenti o militari appartenenti ad organizzazioni private particolarmente utilizzati nelle missioni all'estero.

Altrettanto interessante e' il ruolo di "intelligence" svolto da queste funzioni per aiutare il top management ad avere una visione completa dei costi/opportunita' di investimento in determinati paesi.

Perche' leggerlo:
Per chi lavora in grosse aziende ed ha sentito nominare queste funzioni interne e' interessante leggere e capire come la security agisca, come la sua "mission" sia connessa alla continuita' del business aziendale …

Un libro di management

Il personaggio Steve Jobs si puo' odiare od amare. Escludendo per un attimo queste valutazione "di pancia" e guardando agli aspetti strettamente manageriali, e soprattutto dei risultati, e' innegabile che Jobs possa essere considerato uno dei migliori manager dei settori high-tech e consumer in senso piu' ampio.


Il libro in questione lo spiega bene: ossessione per i dettagli, capacita' di visione futura, ricerca esasperante dell'eccellenza nei prodotti, una ricerca e sviluppo focalizzata a creare il futuro lasciando basiti anche gli esperti di settore.


Il tutto arricchito da una visione commerciale con gli occhi del cliente, o meglio, in grado di offrire al cliente una visione del futuro; poi anche la capacita' di ascoltare, il mercato ed i suoi collaboratori, per cambiare idea anche a decisioni ed investimenti gia' presi.


Perchè leggerlo
In questo libro qualche aneddoto ma soprattutto un libro di management che fa capire come, oltre all'aurea …

On Writing ovvero un atto d'amore per la scrittura

Il titolo farebbe pensare al solito manuale accademico, un po' snob che mentre spiega come diventare scrittore in realta' ti fa percepire la distanza abissale che passa tra te e l'ormai acclamato scrittore di successo che decide di parlare ai suoi discepoli.
In realta' e' un tenero racconto di vita che incrocia la perseveranza e l'amore per la scrittura dell'autore con dei consigli molto pragmatici sul come "fare".
Consiglia di lasciare da parte le timidezze, le artificiosita' di certa letteratura ed il timore di non essere all'altezza ma semplicemente di scrivere, scrivere in modo diretto, evitando di essere barocchi, insinceri.
Insegna ad avere rispetto del proprio pubblico. Certo, direte, e' uno scrittore di best-sellers per lettori di bocca buona; potrebbe anche essere, ma nel suo genere, assolutamente un maestro.


Perche' leggerlo
In fondo e' un libro sul lavoro, sul mestiere di essere scrittore, sulla perseveranza, sul …

The Whole Brain Business Book

Scoperto grazie ad una convention aziendale dove si è parlato di questo libro e del modello di Ned Herrmann. In termini semplici ma con riferimenti ad una tradizione scientifica consolidata, spiega come funziona il nostro cervello, quali sono i nostri "motivi guida", perchè prediligiamo certi comportamenti e perchè non ci troviamo a nostro agio in altre situazioni.

Perchè leggerlo: fa parte del percorso di autocomprensione per capire chi siamo, cosa ci piace fare veramente nel lavoro e non solo. Mette in luce i nostri punti di forza e di debolezza rendendoci consapevoli delle nostre potenzialità e delle possibili debolezze.

Leggi la mia recensione del libro pubblicata nella sezione Project Management del sito PMI.it