Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Novembre, 2010

Lo ammetto, l’avevo preso un po' sottogamba...

“Pensa, e’ gratis. 84 idee pratiche per sviluppare il talento ed avere successo”,J.Lorente (ETAS, 2010)
Lo ammetto, l’avevo preso un po' sottogamba. Il titolo molto facile mi aveva subito richiamato altrettante facili valutazioni sulla consistenza del libro. Immaginavo il solito libro di memorie, scritto dall’ennesimo pubblicitario al termine della sua carriera contenente una visione dall’alto del successo e su come raggiungerlo.
Insomma, niente di più, nella migliore delle ipotesi, dei soliti “non dite a mia madre…; hollywood lava più bianco; confessioni di un pubblicitario” etc.. In quest’ottica ho approcciato la lettura in modo molto leggero, easy, cercando di coglierne il succo, qualche slogan “guida” leggendo le prime pagine del libro.
Poi mi sono dovuto ricredere, ho rallentato ed ho riletto alcune pagine che avevo sorvolato in modo forse un pó troppo superficiale.
Rileggendo, i concetti da portarsi dietro, sui quali riflettere, da aggiungere al proprio bagaglio di conoscenze, …

Cosa accomuna un assicuratore di Rimini (Muccioli) ed un sarto e commesso spagnolo (il fondatore di Zara)?

“Le sette chiavi dell’immaginazione”, Piero Morosini (ETAS, 2010)


Se pianificate il futuro, se disegnate una strategia partendo dai dati, dalle conoscenze del presente allora e’ probabile che non andrete molto lontano rispetto a dove siete adesso. Qualche esempio contrario? Pensate alla comunitá di Vincenzo Muccioli o alla catena d’abbigliamento Zara, riprendetevi un attimo dal disorientamento legato a questo accostamento azzardato. Pensateci un attimo e vedrete che cosí azzardato non é.
Cosa accomuna un assicuratore di Rimini (Muccioli) ed un sarto e commesso spagnolo (il fondatore di Zara)?
Prima di tutto la capacitá di ascoltare le persone, entrare in sintonia con loro, interpretare i loro desideri. E poi sapergli offrire un ambiente, un prodotto, uno stile di vita in linea con questi desideri. Il tutto, operando all’interno delle loro organizzazioni con un approccio flessibile, capace di abbandonare processi, regole, strutture che la cultura, aziendale o meno, di quel momento, impor…

Ammettetelo, non avete avuto il coraggio di comprarlo

Vi siete guardate attorno, avete preso il libro, lo avete aperto a caso e lui ha cominciato a parlarvi di come siete fatti, della vostra tendenza a pensare prima di parlare, del perché il collega estroverso fa sempre le presentazioni migliori delle vostre, del perché…Avete chiuso libro, avete respirato a fondo ed avete pensato “sono io!”.
Vi siete guardati nuovamente intorno per vedere se qualcuno vi aveva visto mentre leggevate, rapito, alcune frasi a caso. Nessuno, bene, non vi hanno scoperto.
Ora viene la parte difficile, dovete andare alla cassa, appoggiare sulla cassa il libro (titolo di copertina visibile) rischiando che la cassiera/il cassiere vi lanci uno sguardo di traverso come se foste lì, in una libreria in pieno centro, ad ammettere in pubblico la vostra introversione. Perché i titoli parlano e sinceramente non volevate passare per inguaribili introversi davanti al cassiere/a e a tutti quelli in coda dietro di voi, ovviamente numerosi proprio in quel momento.
Allora avete a…