Passa ai contenuti principali

Lo ammetto, l’avevo preso un po' sottogamba...



“Pensa, e’ gratis. 84 idee pratiche per sviluppare il talento ed avere successo”, J.Lorente (ETAS, 2010)

Lo ammetto, l’avevo preso un po' sottogamba. Il titolo molto facile mi aveva subito richiamato altrettante facili valutazioni sulla consistenza del libro. Immaginavo il solito libro di memorie, scritto dall’ennesimo pubblicitario al termine della sua carriera contenente una visione dall’alto del successo e su come raggiungerlo.

Insomma, niente di più, nella migliore delle ipotesi, dei soliti “non dite a mia madre…; hollywood lava più bianco; confessioni di un pubblicitario” etc.. In quest’ottica ho approcciato la lettura in modo molto leggero, easy, cercando di coglierne il succo, qualche slogan “guida” leggendo le prime pagine del libro.

Poi mi sono dovuto ricredere, ho rallentato ed ho riletto alcune pagine che avevo sorvolato in modo forse un pó troppo superficiale.

Rileggendo, i concetti da portarsi dietro, sui quali riflettere, da aggiungere al proprio bagaglio di conoscenze, ci sono. Ci sono e vi verranno trasmessi in modo molto chiaro, diretto, in pochi secondi cosi come può fare solo un pubblicitario affermato come e’ l’autore di questo libro.

Qualche esempio? Il self-marketing ed il posizionamento del prodotto “voi”. Avrete sicuramente letto numerosi libri che vi hanno parlato del vostro piano di marketing, del vostro vantaggio competitivo, del vostro personale piano di vendita per vendere voi, la vostra professionalità, il vostro brand. Libri, peró, con una impostazione tradizionale, con una descrizione dettagliata del piano di marketing che dovevate stendere a tavolino (magari la sera, a casa, dopo dieci ore di lavoro).

Dal punto di vista formale niente da dire, rispecchia quello che vi hanno insegnato nelle vostre business school, un metodo accademico semplicemente traslato su di voi. Dal punto di vista pratico, peró, un pó noioso da attuare, schematico con il rischio di farvi perdere per strada, mentre dettagliate il vostro personalissimo piano di marketing.

Questo libro, invece, in modo molto leggero, vi parlerà di voi, di come siete e di cosa volete e potete fare. Perché non é mai tardi per decidere cosa volete fare da grandi.

Ecco allora una serie di brevi spot molto concisi ma altrettanto precisi, a tratti talmente diretti da sembrare brutali, per colpirvi, cosi come una pubblicità riuscita deve fare. Catturare la vostra attenzione e lasciarvi dentro un messaggio che poi elaborerete con calma dentro di voi.

Perché in fondo la partita si gioca tutta qui. Per avere successo dobbiamo competere, competere con altre persone animate dallo stesso spirito di vittoria. Individuate il vostro obiettivo, dove volete andare, cosa vi emoziona e seguitelo con entusiasmo e trasparenza. Lasciate stare i giochetti, le furbizie, gli sgambetti. Giocate in trasparenza, apritevi e comunicate, trasmettete il vostro brand come se fosse una religione, con certezza e speranza di un futuro migliore.

Non smettete di imparare, crescere, essere curiosi, leggere, parlare con le persone. Senza fingere, senza inutili e finte strategie, senza ingannare le persone con le quali interagite.

Perché leggerlo:
E’ un libro leggero ma denso. Prendetelo come una pausa, quando siete sopraffatti da una giornata lavorativa troppo impegnativa e carica di tensioni, aprite il libro ed ascoltate i consigli amichevoli che vi dá l’autore.

Sará un modo come un altro per ritrovare il proprio focus interno, per rassicurarvi del fatto che le vostre azioni durante la giornata sono state in linea con il vostro credo profondo, che nonostante vi sembri di essere stati travolti da un tornado, siete sempre voi, un pó migliori rispetto a ieri e soprattutto ben piantati con i piedi per terra.


“Pensa, e’ gratis. 84 idee pratiche per sviluppare il talento ed avere successo”, J.Lorente (ETAS, 2010)

Post popolari in questo blog

I concetti di feedback e feedforward

Il termine feedback è di uso comune soprattutto in ambito aziendale ed organizzativo. A questo però dobbiamo aggiungere un altro termine, poco conosciuto: feedforward. Di cosa si tratta? Come viene definito in psicologia? Anche in questo caso ci faremo aiutare in questa definizione dal libro “Teoria dei sistemi evolutivi” di Ford e Lerner (ed. Cortina).
Segnali di feedback e feedforward I segnali di feedback e feedforward vengono realizzati attraverso segnali di natura informazionale. Per quanto riguarda il feedback esso può essere: Negativo: è il tipo di feedback più conosciuto e ha come scopo quello di ridurre la distanza tra lo stato attuale e l’obiettivo desiderato. Ha come obiettivo il mantenimento della stabilità. Positivo: feedback tendente ad aumentare la differenze tra lo stato effettivo e quello desiderato. E’ il tipo di feedback che produce il cambiamento. Feedforward: è un processo orientato al futuro, implica processi predittivi relativi al modi di ottenere i risultati desider…

Il significato del lavoro in psicologia

 
Riprendiamo il post della settimana scorsa dove abbiamo parlato dei cambiamenti nella forza lavoro ed affrontiamo insieme il tema del significato del lavoro e di come questo si sia modificato nel tempo. Anche in questo caso prenderemo come riferimento il testo "Psicologia del lavoro" di Guido Sarchielli (Il Mulino, 2003).

Abbiamo visto, nei post precedenti, come e quanto il lavoro sia cambiato nel corso del tempo. Soprattutto nel settore terziario si assiste ad una trasformazione dei contesti organizzativi.

Trasformazione che vede, in primo luogo, l'"appiattimento" delle gerarchie aziendali oltre a modificare i tradizionali ruoli lavorativi che diventano meno definiti. Cambiano anche i requisiti richiesti ai lavoratori i quali devono avere nuove competenze generali, sociali, cognitive, capacità di autogestione, cooperazione e coinvolgimento personale.

Task analysis e job analysis in psicologia del lavoro


Riprendiamo il post della settimana scorsa dove abbiamo parlato del significato del lavoro ed affrontiamo in questo post il tema dell'analisi del lavoro facendo riferimento alle attività di task analysis e job analysis. Anche in questo caso prenderemo come riferimento il testo "Psicologia del lavoro" di Guido Sarchielli (Il Mulino, 2003).
Task analysis e job analysis, cosa sono? Con questi termini intendiamo fare riferimento a metodi di rilevazione e analisi per conoscere come si svolge il lavoro e quali requisiti richiede perché sia eseguito al meglio e con effetti positivi sulle persone. Ci riferiamo, anche in questo ambito, all'ambito di ricerca della psicologia del lavoro.