Passa ai contenuti principali

Vi siete mai chiesti perchè all'ultimo "team building" aziendale...

Vi siete mai chiesti perchè all'ultimo "team building" aziendale eravate travestiti da giullari medievali ed avete camminato sui carboni ardenti davanti a tutta la forza vendita?


Forse la risposta non la troverete qui, ma se siete stati coinvolti in qualunque forma di team building aziendale fuori e ne siete usciti, come dire, scettici, è ora di comprenderne le basi teoriche.  Così, almeno, la prossima volta sarete in grado di cogliere il senso di quello che state facendo. Forse.


Il team building è una delle applicazioni attinenti alla psicologia di comunità. Che cos'è la psicologia di comunità? E' una disciplina psicologica di matrice statunitense che studia in modo pragmatico concrete situazioni sociali ed il modo in cui poterle migliorare.


La psicologia di comunità ha i seguenti obiettivi fondamentali:
  • Prevenzione del disagio;
  • Promozione della salute e del benessere degli individui nei loro contesti;
  • Promozione dell’autoconsapevolezza dei membri della comunità;
  • Partecipazione dei membri della comunità;
  • Sviluppo della competenza della comunità.
Ma torniamo al vostro team building. Qual'è l'obiettivo vero di queste attività aziendali off-site?
In primo luogo stimolare il senso di comunità, ossia:
  • La percezione della similarità con gli altri;
  • L’interdipendenza con gli altri;
  • La disponibilità a mantenere l’interdipendenza offrendo ciò che ci si aspetta;
  • La sensazione di essere parte di una struttura affidabile e stabile.
Lo sviluppo di comunità è un processo che porta al miglioramento della qualità delle relazioni lavorative, del modo di lavorare tra gruppi grazie all’opportunità di partecipare ad esperienze coinvolgenti.


Le principali modalità di sviluppo della comunità comprendono funzioni quali:
  • Migliorare le relazioni interpersonali, sviluppando l’appartenenza e creando un senso di coesione sociale;
  • Sostenere e stimolare l’aiuto reciproco e le aggregazioni spontanee;
  • Sensibilizzare e informare le persone sui problemi rilevanti per la comunità;
  • Identificare e promuovere le capacità dei leader;
  • Sviluppare la cultura aziendale, il rispetto e lo scambio tra culture/etnie diverse presenti all’interno della comunità;
  • Formare sulla gestione dei conflitti;
Vediamo alcuni fattori cruciali nello sviluppo di comunità:
  • Coinvolgimento. Persone o gruppi vengono toccati emotivamente da un evento e assumono la propensione a fare qualcosa;
  • Creazione di connessioni. Sviluppo di rapporti tra gli attori sociali della comunità che sviluppano un vissuto di condivisione e di appartenenza;
  • Partecipazione. Esercizio del potere, inteso come potere decisionale e di verifica dei risultati;
  • Senso di responsabilità sociale. Consapevolezza che la qualità lavorativa in azienda chiama in causa ogni suo membro.
Partecipazione e senso di responsabilità sono strettamente legati al senso di empowerment, poiché anche un elevato senso di responsabilità non dura a lungo quando si pensa di non poter fare nulla per cambiare la situazione. Ma per approfondire il concetto di empowerment vi rimando al mio post precedente.

Avete le idee più chiare adesso?

Fonte: "Fondamenti di psicologia di comunità. Principi, strumenti, ambiti di applicazione" Francescato, Ghirelli, Tomai (Carocci, 2002)

Post popolari in questo blog

I concetti di feedback e feedforward

Il termine feedback è di uso comune soprattutto in ambito aziendale ed organizzativo. A questo però dobbiamo aggiungere un altro termine, poco conosciuto: feedforward. Di cosa si tratta? Come viene definito in psicologia? Anche in questo caso ci faremo aiutare in questa definizione dal libro “Teoria dei sistemi evolutivi” di Ford e Lerner (ed. Cortina).
Segnali di feedback e feedforward I segnali di feedback e feedforward vengono realizzati attraverso segnali di natura informazionale. Per quanto riguarda il feedback esso può essere: Negativo: è il tipo di feedback più conosciuto e ha come scopo quello di ridurre la distanza tra lo stato attuale e l’obiettivo desiderato. Ha come obiettivo il mantenimento della stabilità. Positivo: feedback tendente ad aumentare la differenze tra lo stato effettivo e quello desiderato. E’ il tipo di feedback che produce il cambiamento. Feedforward: è un processo orientato al futuro, implica processi predittivi relativi al modi di ottenere i risultati desider…

Task analysis e job analysis in psicologia del lavoro


Riprendiamo il post della settimana scorsa dove abbiamo parlato del significato del lavoro ed affrontiamo in questo post il tema dell'analisi del lavoro facendo riferimento alle attività di task analysis e job analysis. Anche in questo caso prenderemo come riferimento il testo "Psicologia del lavoro" di Guido Sarchielli (Il Mulino, 2003).
Task analysis e job analysis, cosa sono? Con questi termini intendiamo fare riferimento a metodi di rilevazione e analisi per conoscere come si svolge il lavoro e quali requisiti richiede perché sia eseguito al meglio e con effetti positivi sulle persone. Ci riferiamo, anche in questo ambito, all'ambito di ricerca della psicologia del lavoro.

Il significato del lavoro in psicologia

 
Riprendiamo il post della settimana scorsa dove abbiamo parlato dei cambiamenti nella forza lavoro ed affrontiamo insieme il tema del significato del lavoro e di come questo si sia modificato nel tempo. Anche in questo caso prenderemo come riferimento il testo "Psicologia del lavoro" di Guido Sarchielli (Il Mulino, 2003).

Abbiamo visto, nei post precedenti, come e quanto il lavoro sia cambiato nel corso del tempo. Soprattutto nel settore terziario si assiste ad una trasformazione dei contesti organizzativi.

Trasformazione che vede, in primo luogo, l'"appiattimento" delle gerarchie aziendali oltre a modificare i tradizionali ruoli lavorativi che diventano meno definiti. Cambiano anche i requisiti richiesti ai lavoratori i quali devono avere nuove competenze generali, sociali, cognitive, capacità di autogestione, cooperazione e coinvolgimento personale.