Passa ai contenuti principali

L'analisi organizzativa multidimensionale

Lo studio delle organizzazioni, in particolare quelle aziendali, è un tema affascinante. Dopo la lettura dei classici testi di management ho trovato interessante leggere questo libro che affronta gli stessi argomenti ma in chiave psicologica: "Fondamenti di psicologia di comunità. Principi, strumenti, ambiti di applicazione" Francescato, Ghirelli, Tomai (Carocci, 2002).

Qui, in particolare, accenneremo all'approccio della Analisi Organizzativa Multidimensionale (AOM), descritta in modo esaustivo nel libro.

Questo approccio all'analisi delle organizzazioni risponde all'esigenza di comprendere i fenomeni complessi, propri di un'azienda, e non riconducibili ad un unico paradigma interpretativo.

L’analisi delle organizzazioni, infatti, necessita di un approccio multidimensionale, in grado di orientare l’osservazione su aspetti diversi del fenomeno organizzativo. Vediamo quali sono le dimensioni analizzate in questo approccio:

1) Dimensione strategico-strutturale (o giuridico-politico-economica)
  • Analisi dello sviluppo storico della struttura (obiettivi strategici originari e loro evoluzione, forme societarie, strutture giuridiche e fisiche).
  • Analisi dei bilanci e dello stato patrimoniale, distribuzione del potere e della ricchezza all’interno dell’organizzazione (partecipazioni azionarie, contratti, stratificazione sociale interna).
  • Esame delle opportunità e dei vincoli dati dal territorio, delle zone di confine e delle modalità di interfacciamento.
  • Livello di successo conseguito nel complesso.
Tutte queste informazioni contribuiscono al creare la cultura e il sistema di valori dell’organizzazione; ad esempio, lavorare in un’azienda leader nel proprio settore piuttosto che in una soverchiata da passività economiche ha risvolti immediati sulla percezione di sicurezza del posto di lavoro, sulle motivazioni, sul grado di coinvolgimento, sull’immagine di sé e del proprio futuro.

2) Dimensione funzionale
Anziché i componenti del sistema vengono esaminati i processi. Secondo Tancredi, ogni organizzazione può essere vista come un organismo inserito in un ambiente e costituito da 3 sistemi interagenti tra loro e con il contesto:
  • Sistema di controllo di gestione. Pianifica l’attività in funzione dei vincoli e delle risorse ambientali e degli obiettivi interni, controllandone l’efficacia e l’efficienza.
  • Sistema operativo. Insieme dei processi di produzione e/o erogazione di servizi.
  • Sistema informativo. Gestisce informazioni inerenti gli output delle attività e l’impiego di risorse.
3) Dimensione psicodinamica
Se le due dimensioni precedenti fossero sufficienti per l’analisi organizzativa, significherebbe che nelle organizzazioni prevalgono il consenso sugli obiettivi e la razionalità del comportamento dei singoli; talune forme di comportamento implicano invece logiche diverse.

La dimensione psicodinamica consente di analizzare l’organizzazione dal punto di vista dei vissuti irrazionali, spesso inconsci. Infatti, il rapporto con l’organizzazione è profondamente ambivalente e richiama  la relazione originaria con la madre, una dinamica dell’inconscio che tende a riattivarsi in alcune specifiche situazioni.

4) Dimensione psicoambientale
Studia l’influenza del fattore umano sull’efficienza dell’organizzazione, considerando i rapporti tra individui, gruppi e contesto ambientale sul piano delle percezioni consapevoli.

Conclusioni
Attraverso le 4 dimensioni che comprendono variabili oggettive e soggettive e concetti provenienti da discipline diverse, il metodo promuove una visione pluralistica dell’organizzazione integrando saperi diversi.

In particolare, le dimensioni psicodinamica e psicoambientale lasciano emergere aspetti trascurati dai metodi di analisi organizzativa centrati su una visione strategico-funzionale, tenendo conto sia delle esigenze individuali, sia di quelle dell’organizzazione.

Inoltre, il metodo consente di dare voce a tutti gli esponenti dell’organizzazione, anche a quelli con meno potere; il metodo riesce a mutare la distribuzione del potere legato alla conoscenza dell’organizzazione in quanto tutti i partecipanti possono rendersi meglio conto del funzionamento dei diversi reparti e servizi e dei loro punti-forza e punti deboli.

Infine, l’esame delle connessioni tra le diverse dimensioni permette di individuare i punti-forza su cui far leva per progettare i mutamenti desiderati.

Fonte: "Fondamenti di psicologia di comunità. Principi, strumenti, ambiti di applicazione" Francescato, Ghirelli, Tomai (Carocci, 2002)


Post popolari in questo blog

I concetti di feedback e feedforward

Il termine feedback è di uso comune soprattutto in ambito aziendale ed organizzativo. A questo però dobbiamo aggiungere un altro termine, poco conosciuto: feedforward. Di cosa si tratta? Come viene definito in psicologia? Anche in questo caso ci faremo aiutare in questa definizione dal libro “Teoria dei sistemi evolutivi” di Ford e Lerner (ed. Cortina).
Segnali di feedback e feedforward I segnali di feedback e feedforward vengono realizzati attraverso segnali di natura informazionale. Per quanto riguarda il feedback esso può essere: Negativo: è il tipo di feedback più conosciuto e ha come scopo quello di ridurre la distanza tra lo stato attuale e l’obiettivo desiderato. Ha come obiettivo il mantenimento della stabilità. Positivo: feedback tendente ad aumentare la differenze tra lo stato effettivo e quello desiderato. E’ il tipo di feedback che produce il cambiamento. Feedforward: è un processo orientato al futuro, implica processi predittivi relativi al modi di ottenere i risultati desider…

Voglio un lavoro, anzi due, o tre…Intervista a Emilie Wapnick

Da leggere l'intervista di Davide Mura a Emilie Wapnick pubblicata su Manageritalia.it. Emilie Wapnick, autrice del libro "How to be everything - A guide for those who (still) don’t know what they want to be when they grow up" (pagg. 240, HarperOne) è nata nel 1984 a Montreal. È autrice di canzoni, musicista, web designer, regista, scrittrice, insegnante, imprenditrice e blogger. Ha studiato arte e film making, conseguendo una laurea in legge presso la McGill University. È career & life coach, tiene conferenze per i Ted Talks ed è founder and creative director di Puttylike.com, piattaforma di condivisione dedicata ai multipotenziali e alle carriere multiple. I media internazionali pubblicano regolarmente servizi su di lei, dalla BBC al Financial Times, dall’Huffington Post a Forbes.

Qui e ora: un tagliando alla carriera

È ora di fare il tagliando, non quello alla macchina. So che siete tipi precisi e che a questo avete già pensato, avete portato la macchina a controllare i livelli di olio, acqua, pressione gomme e fare in modo che sia tutto a posto prima della partenza. No, questa volta sto parlando del tagliando alla vostra carriera per rifare la convergenza ai vostri obiettivi e ambizioni professionali.  È stato un anno duro, avete macinato chilometri, sempre in giro tra clienti, riunioni o aerei da prendere, nella fretta però, avete lasciato spento il navigatore e spesso avete smarrito la strada. È arrivato quindi il momento di fermarsi per una sosta e per fare il punto della situazione.
L’occasione per un “passaggio ai box” ci è data dal libro di Andrea Colombo “Qui e ora. Più consapevoli per valorizzare il proprio Talento e raggiungere il vero Successo” (Fausto Lupetti editore, 2016). Non è il classico libro da leggere sotto l’ombrellone, qualche pensiero zen, qualche pratica mindfullness e pro…