Passa ai contenuti principali

40-50 anni: trovare, ritrovare e cambiare lavoro


Andate su Google, provate a cercare la frase “cambiare lavoro a 40-50 anni” e guardate la lista dei risultati. Questo libro "40-50 anni: trovare, ritrovare e cambiare lavoro", di Luisa Adani (ETAS, 2010) comparirà tra i primi risultati.

Le cose sono due: i web managers della casa editrice sono molto bravi a sfruttare i motori di ricerca e pubblicizzare il loro catalogo (cosa da non escludere) oppure questo libro è di fatto un punto di riferimento per affrontare il tema della ri-cerca del lavoro per i profili professionali senior.

Perché il tema del proprio ricollocamento lavorativo in età adulta è un argomento, inutile a dirsi, molto delicato. Delicato perché se vi basate solo sulla lettura di articoli di giornale o sulle ricerche sullo stato dell’occupazione in Italia ed Europa, sarete indirizzati senza scampo verso lo sconforto.

Non dico che sia cosa facile ma la ri-cerca del lavoro deve essere affrontata con lucidità, metodo e determinazione al fine di sconfiggere i luoghi comuni. Luoghi comuni come quelli che attribuiscono solo a determinate professionalità la maggiori possibilità di trovare lavoro.

Non esistono lavori “sicuri” ma esistono professionalità che soddisfano esigenze specifiche da parte delle imprese. Imprese che, soprattutto nel caso di professionalità senior , ricercano competenze da collocare in precisi ambiti lavorativi.


E non sempre queste ricerche compaiono sui tradizionali canali di recruiting (inserzioni su carta stampata o su siti web specializzati). Possiamo paragonare il mercato del lavoro ad un iceberg dove solo la punta visibile rappresenta le offerte di lavoro alle quali potrete accedere attraverso i canali convenzionali.

Ecco perché dovete individuare il valore della vostra professionalità, per poterla proporre in modo distintivo e unico, attraverso i canali corretti.

In questo percorso, il libro di Luisa Adani, rappresenta un sicuro sostegno.

Un sostegno che ci permetterà di evitare errori lungo la strada. Perché la ricerca del lavoro di un senior deve seguire regole precise che vi aiuteranno a distinguervi da competitor più giovani di voi.

Perché, se appena usciti dalle aule scolastiche potevate permettervi di accettare il primo lavoro offerto perché serviva a “fare esperienza” ora, in età adulta, il cambiare o ritrovare lavoro dovrà fare perno sulle vostre competenze trasversali e sul patrimonio di conoscenze che avete accumulato.

Il libro di Luisa Adani non è fatto di sola teoria. Matita alla mano dovrete rispondere ad una serie di domande e di schede-guida che vi permetteranno di riflettere sulla vostra professionalità acquisita oltre ad identificarvi come “prodotto”. Esatto, perché per posizionarsi sul mercato dei senior e competere dovrete avere chiaro in testa chi siete, che cosa sapete fare, cosa volete fare.

L’errore da evitare è quello di sottovalutare la propria professionalità dando per scontati i propri punti di forza.

Bene, dopo aver capito, non dico chi siete, ma almeno qual è il vostro progetto professionale, cosa fare?

Si passa all’azione. Soprattutto se siete uomini/donne d’azienda sarete abituati a fissare degli obiettivi ed un piano credibile di passi graduali per raggiungerli. E’ quello che il metodo descritto in questo libro vi dirà di fare, spiegandovi come impostare la vostra personale campagna di marketing dove, adesso, il prodotto da vendere siete voi, sui canali di comunicazione e di contatto corretti.

Non potrete utilizzare un curriculum vitae buono per tutte le stagioni ma dovrete saper raccontare la vostra storia in modo coerente alla posizione per la quale vi state candidando.

A tal fine l’autrice del libro ci fornirà una serie di esempi, dal cv alla lettera di presentazione, ritagliati sulla figura professionale del senior che, ripeto, sarà e dovrà essere ben distinguibile da quella di un neolaureato.

Perché leggerlo
Usate questo libro come uno strumento per capirne di più sul vostro percorso professionale, trascorso e futuro. Perché questo è il momento per fare il bilancio delle vostre competenze e di capire come comunicarle con efficacia sul mercato del lavoro.

In fondo le risposte le avete già, si tratta di metterle nero su bianco. Questo librò vi aiuterà a farlo, guidandovi nel percorso. Il resto, però, dovrete mettercelo voi.


Post popolari in questo blog

I concetti di feedback e feedforward

Il termine feedback è di uso comune soprattutto in ambito aziendale ed organizzativo. A questo però dobbiamo aggiungere un altro termine, poco conosciuto: feedforward. Di cosa si tratta? Come viene definito in psicologia? Anche in questo caso ci faremo aiutare in questa definizione dal libro “Teoria dei sistemi evolutivi” di Ford e Lerner (ed. Cortina).
Segnali di feedback e feedforward I segnali di feedback e feedforward vengono realizzati attraverso segnali di natura informazionale. Per quanto riguarda il feedback esso può essere: Negativo: è il tipo di feedback più conosciuto e ha come scopo quello di ridurre la distanza tra lo stato attuale e l’obiettivo desiderato. Ha come obiettivo il mantenimento della stabilità. Positivo: feedback tendente ad aumentare la differenze tra lo stato effettivo e quello desiderato. E’ il tipo di feedback che produce il cambiamento. Feedforward: è un processo orientato al futuro, implica processi predittivi relativi al modi di ottenere i risultati desider…

Task analysis e job analysis in psicologia del lavoro


Riprendiamo il post della settimana scorsa dove abbiamo parlato del significato del lavoro ed affrontiamo in questo post il tema dell'analisi del lavoro facendo riferimento alle attività di task analysis e job analysis. Anche in questo caso prenderemo come riferimento il testo "Psicologia del lavoro" di Guido Sarchielli (Il Mulino, 2003).
Task analysis e job analysis, cosa sono? Con questi termini intendiamo fare riferimento a metodi di rilevazione e analisi per conoscere come si svolge il lavoro e quali requisiti richiede perché sia eseguito al meglio e con effetti positivi sulle persone. Ci riferiamo, anche in questo ambito, all'ambito di ricerca della psicologia del lavoro.

Il significato del lavoro in psicologia

 
Riprendiamo il post della settimana scorsa dove abbiamo parlato dei cambiamenti nella forza lavoro ed affrontiamo insieme il tema del significato del lavoro e di come questo si sia modificato nel tempo. Anche in questo caso prenderemo come riferimento il testo "Psicologia del lavoro" di Guido Sarchielli (Il Mulino, 2003).

Abbiamo visto, nei post precedenti, come e quanto il lavoro sia cambiato nel corso del tempo. Soprattutto nel settore terziario si assiste ad una trasformazione dei contesti organizzativi.

Trasformazione che vede, in primo luogo, l'"appiattimento" delle gerarchie aziendali oltre a modificare i tradizionali ruoli lavorativi che diventano meno definiti. Cambiano anche i requisiti richiesti ai lavoratori i quali devono avere nuove competenze generali, sociali, cognitive, capacità di autogestione, cooperazione e coinvolgimento personale.