Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Ottobre, 2011

Il Cirque du Soleil e la Strategia Oceano Blu

Avreste mai pensato che il Cirque du Soleil venisse citato come un esempio di azienda di successo e di tecniche manageriali in uno dei più importanti libri di management pubblicati negli ultimi anni?
Ve lo dico io: no e vi spiego perché. Non l’avremmo mai detto perché siamo abituati a ragionare in termini di Oceani rossi. L’Oceano rosso è quello dell’arena competitiva dove le aziende combattono per ritagliarsi uno spazio rispetto ai competitor, una battaglia dove distinguersi è vitale. Per fare questo, però, ci vogliono investimenti, innovazioni di prodotto continue, martellanti campagne pubblicitarie indirizzate a consumatori, tutti noi, sempre più disattenti. Il tutto in una spirale di costi crescenti a fronte di prodotti percepiti sempre più come omogenei dai consumatori, abituati al “good enough” che soddisfa le loro esigenze.
Oceani rossi ed Oceani bluCome uscire da questa spirale competitiva? Uscendo dagli Oceani rossi ed entrando negli Oceani blu. E’ quello che ha fatto il Cirque…

Parliamo di Cambiamento e Metamodelli, un po’ di storia e teorie

Per chi si occupa di change management, di cambiamento organizzativo e formazione è naturale interrogarsi su quali siano le modalità, le tecniche, le pre-condizioni per attivare con successo un processo di cambiamento delle persone.
Molte tecniche, spesso importate ed adattate da oltre-confine, promettono risultati “chiavi in mano” seguendo strette metodologie.
Purtroppo quando si parla di cambiamento, ed in particolare di cambiamento negli adulti, il discorso si complica. Si complica perché non esistono facili soluzioni da applicare soprattutto qunado parliamo di persone.
Nell’approfondire questo tema ho trovato interessante la lettura del libro “Teoria dei sistemi evolutivi”, D. Ford, R. Lerner (ed. Cortina).
Gli autori ci spiegano, prima di proporre la teoria da loro elaborata, come il concetto di “cambiamento” sia influenzato da metamodelli ossia un insieme di assunzioni-guida finalizzate a spiegare e descrivere il comportamento e lo sviluppo umano, ed in senso più esteso, una certa…

I concetti di feedback e feedforward

Il termine feedback è di uso comune soprattutto in ambito aziendale ed organizzativo. A questo però dobbiamo aggiungere un altro termine, poco conosciuto: feedforward. Di cosa si tratta? Come viene definito in psicologia? Anche in questo caso ci faremo aiutare in questa definizione dal libro “Teoria dei sistemi evolutivi” di Ford e Lerner (ed. Cortina).
Segnali di feedback e feedforward I segnali di feedback e feedforward vengono realizzati attraverso segnali di natura informazionale. Per quanto riguarda il feedback esso può essere: Negativo: è il tipo di feedback più conosciuto e ha come scopo quello di ridurre la distanza tra lo stato attuale e l’obiettivo desiderato. Ha come obiettivo il mantenimento della stabilità. Positivo: feedback tendente ad aumentare la differenze tra lo stato effettivo e quello desiderato. E’ il tipo di feedback che produce il cambiamento. Feedforward: è un processo orientato al futuro, implica processi predittivi relativi al modi di ottenere i risultati desider…