Passa ai contenuti principali

Lavorare “in rete”

Il lavoro “in rete” è un fenomeno di cui si parla molto e che coinvolge sempre più persone. In questo post tratteremo l’argomento dal punto di vista psicologico basandoci su un testo fondamentale in questo ambito di studio: “Fondamenti di psicologia di comunità. Principi, strumenti, ambiti di applicazione" Francescato, Ghirelli, Tomai (Carocci, 2002).

La metafora della rete in ambito psicologico rappresenta l’insieme di rapporti tra persone, organizzazioni e sistemi sociali. E’ possibile individuare un livello centrato sull’individuo ed uno centrato sull’interazione fra organizzazioni e, in particolare, sull’interazione tra organizzazioni diverse presenti sul territorio.

Il lavoro di rete

Le interazioni all’interno della rete possono essere caratterizzate da atteggiamenti cooperativi, ma anche da forti ostilità, come può accadere nella realtà dei gruppi di lavoro. Il lavoro di rete è infatti un processo che implica cambiamenti che coinvolgono livelli diversi di un’organizzazione:
  • Livello individuale. Cambiamento dell’identità professionale: il lavoro di rete non è solo un modo di lavorare, ma è soprattutto una mentalità;
  • Livello sistemico. La cultura del lavoro in rete richiede che ogni erogatore di servizi impari a percepire se stesso come elemento necessario ma non sufficiente al raggiungimento degli obiettivi;
  • Livello funzionale. Funzioni e ruoli dei singoli servizi devono essere ripensati;
  • Livello psicosociale. Cambiano i ruoli e i rapporti tra gli attori, cambiano gli stili di leadership, cambia la distribuzione del potere, cambiano le modalità comunicative.
L’organizzazione a rete è una linea di tendenza principalmente nel settore dei servizi ma rappresenta un cambiamento, talvolta radicale, nelle procedure di lavoro e nell’identità professionale; per questo richiede tempo e sviluppo di nuove competenze. Non a caso, negli ultimi anni si è molto diffusa la richiesta di interventi di consulenza e formazione per la promozione del lavoro di rete.

Aree-problema nel lavoro di rete
Il concetto di rete evoca una doppia immagine:
  • Positiva (protettiva). Connessioni, interdipendenze e reciprocità fra individui e gruppi generano un’idea protettiva di accrescimento delle conoscenze.
  • Negativa (contenitiva). La rete è percepita come una trappola, qualcosa che imbriglia, toglie potere, vincola, condiziona, indebolisce e ostacola la libertà (soprattutto da parte dei professionisti).
Rapporti tra i nodi della rete
Il lavoro di rete è tendenzialmente di tipo paritario, tuttavia una rete molto ampia richiede maggiori azioni di coordinamento dei rapporti. In generale non esistono rapporti e legami la cui adeguatezza può essere stabilita a priori. Esistono reti che funzionano meglio attraverso:
  • Legami deboli. Tipicamente quando il fallimento di un nodo non impatta sulla sopravvivenza dell’intera rete.
  • Legami intensi e frequenti. In casi simili, molte organizzazioni necessitano di flussi comunicativi frequenti e di condivisione di intenti e modalità operative.
Inoltre, anche nella stessa rete, possono essere necessari rapporti diversi (continuativi, saltuari, ecc.) tra i diversi nodi in relazione alle funzioni che questi devono svolgere in vista degli obiettivi comuni. L’efficacia della rete è anche legata alla capacità di creare legami funzionali agli obiettivi e di modificarli se necessario.

Lavoro per progetti
Una modalità per superare le difficoltà di integrazione dei nodi della rete è il lavoro per progetti, che consente un’attribuzione non rigida e definitiva dei ruoli e degli spazi a ciascuno di essi, legata di volta in volta al contributo che ogni servizio dovrà erogare in uno specifico progetto.

Punti-forza nel lavoro di rete
Il primo elemento facilitante è l’esistenza di una cultura condivisa, che accomuni valori, atteggiamenti, processi di comunicazione, codici e linguaggio.

Oltre alla cultura, altri fattori di facilitazione sono la condivisione di:
  • Pratiche operative;
  • Modalità di pianificazione e controllo;
  • Sistemi premianti;
  • Percezione dei vantaggi della partecipazione.
Conclusioni
Il lavoro di rete incoraggia interpretazioni e visioni pluralistiche di un certo progetto ed integra tipi di conoscenze e competenze professionali diverse, lasciando emergere le conoscenze provenienti dalle persone coinvolte nel progetto affrontato. Il lavoro di rete si presta dunque a promuovere progetti di empowerment aumentando il capitale sociale di una comunità.

Cosa ne pensate? Siete d'accordo? Quali sono le vostre esperienze in merito?

Fonte: “Fondamenti di psicologia di comunità. Principi, strumenti, ambiti di applicazione" Francescato, Ghirelli, Tomai (Carocci, 2002)

Post popolari in questo blog

I concetti di feedback e feedforward

Il termine feedback è di uso comune soprattutto in ambito aziendale ed organizzativo. A questo però dobbiamo aggiungere un altro termine, poco conosciuto: feedforward. Di cosa si tratta? Come viene definito in psicologia? Anche in questo caso ci faremo aiutare in questa definizione dal libro “Teoria dei sistemi evolutivi” di Ford e Lerner (ed. Cortina).
Segnali di feedback e feedforward I segnali di feedback e feedforward vengono realizzati attraverso segnali di natura informazionale. Per quanto riguarda il feedback esso può essere: Negativo: è il tipo di feedback più conosciuto e ha come scopo quello di ridurre la distanza tra lo stato attuale e l’obiettivo desiderato. Ha come obiettivo il mantenimento della stabilità. Positivo: feedback tendente ad aumentare la differenze tra lo stato effettivo e quello desiderato. E’ il tipo di feedback che produce il cambiamento. Feedforward: è un processo orientato al futuro, implica processi predittivi relativi al modi di ottenere i risultati desider…

Voglio un lavoro, anzi due, o tre…Intervista a Emilie Wapnick

Da leggere l'intervista di Davide Mura a Emilie Wapnick pubblicata su Manageritalia.it. Emilie Wapnick, autrice del libro "How to be everything - A guide for those who (still) don’t know what they want to be when they grow up" (pagg. 240, HarperOne) è nata nel 1984 a Montreal. È autrice di canzoni, musicista, web designer, regista, scrittrice, insegnante, imprenditrice e blogger. Ha studiato arte e film making, conseguendo una laurea in legge presso la McGill University. È career & life coach, tiene conferenze per i Ted Talks ed è founder and creative director di Puttylike.com, piattaforma di condivisione dedicata ai multipotenziali e alle carriere multiple. I media internazionali pubblicano regolarmente servizi su di lei, dalla BBC al Financial Times, dall’Huffington Post a Forbes.

Qui e ora: un tagliando alla carriera

È ora di fare il tagliando, non quello alla macchina. So che siete tipi precisi e che a questo avete già pensato, avete portato la macchina a controllare i livelli di olio, acqua, pressione gomme e fare in modo che sia tutto a posto prima della partenza. No, questa volta sto parlando del tagliando alla vostra carriera per rifare la convergenza ai vostri obiettivi e ambizioni professionali.  È stato un anno duro, avete macinato chilometri, sempre in giro tra clienti, riunioni o aerei da prendere, nella fretta però, avete lasciato spento il navigatore e spesso avete smarrito la strada. È arrivato quindi il momento di fermarsi per una sosta e per fare il punto della situazione.
L’occasione per un “passaggio ai box” ci è data dal libro di Andrea Colombo “Qui e ora. Più consapevoli per valorizzare il proprio Talento e raggiungere il vero Successo” (Fausto Lupetti editore, 2016). Non è il classico libro da leggere sotto l’ombrellone, qualche pensiero zen, qualche pratica mindfullness e pro…