Passa ai contenuti principali

Una scelta editoriale coraggiosa

Ci vuole coraggio per pubblicare un libro che parla di Microsoft in un periodo come questo in cui gli scaffali delle librerie sono colmi, per ovvie ragioni, di autobiografie di Steve Jobs.
Però il punto è questo, per avere un quadro completo dell'attuale scenario competitivo del mondo high-tech, è importante conoscere anche la storia della più grande e famosa azienda di software al mondo. "Idea man. Io, Bill Gates e altre storie. Autobiografia del cofondatore di Microsoft" (Rizzoli ETAS, 2011) ci offre un'opportunità privilegiata per conoscere questa storia, dall'interno, dalla voce di Paul Allen.
Una storia americana
Il libro di Paul Allen ha diversi piani di lettura. Il primo, quello autobiografico, ci porta in una normale famiglia americana, quella dove l'autore è nato. Padre bibliotecario, mamma insegnante, Paul scopre fin dall'infanzia un'innata passione per la scienza e le sue applicazioni. Si iscrive all'università dove incontra Bill Gates. Cominciano a sviluppare software, intuendo la futura esplosione del mercato dei personal computer. Fino alla svolta, l'accordo con IBM per realizzare il sistema operativo per i PC lanciati da Big Blue nel 1981.
 
A questo punto la neonata Microsoft decolla passando da poche decine di dipendenti fino a diventare il colosso che tutti conosciamo. Poi la malattia, Paul Allen, lascia l'azienda, guarisce ed investe la sua vita nella ricerca e nell'innovazione.
 
Sconfitte e vittorie, mosse troppo azzardate e visioni strategiche centrate prima che potessero arrivarci gli altri. Insomma, una bella storia.

Quando non esisteva il mouse
Altro piano di lettura è quello che ci guida attraverso la storia recente dell'informatica. Affascinante ripercorrere, grazie ai ricordi di Paul Allen, le tappe delle innovazioni che hanno rivoluzionato il nostro modo di lavorare e studiare.
Mi riferisco a quelle scoperte del centro di ricerca ed innovazione della Xerox e che la stessa azienda non è poi riuscita a sfruttare commercialmente: pensate al mouse, ai programmi di video scrittura o all'interfaccia grafica con le icone sui nostri desktop che ormai diamo per scontate.
Questo libro, però, non è solo vintage informatico, Paul Allen ci fornisce anche una visione critica delle attuali e future sfide commerciali in ambito high-tech. Dove stanno andando i consumatori? Quali sono le nuove abitudini nella fruizione di mail, libri, news, musica, e-commerce?
Innegabile, e questo il libro di Allen ce lo ricorda, che il futuro sarà sempre più mobile. Le persone si muovono ed utilizzano strumenti come gli smartphone ed i tablet quindi sempre meno legati al PC se non per esigenze di lavoro. Questo rappresenta una minaccia per Microsoft, tradizionalmente focalizzata sul suo core business: la vendita di pacchetti software alle aziende.

Bill Gates&C.

Infine, l'ultimo piano di lettura è quello del business, grazie alle tappe fondamentali della storia di Microsoft possiamo capire quali scelte vincenti e modelli commerciali Bill Gates e soci abbiano saputo applicare con tempismo, capacità di anticipate il futuro e determinazione nell’execution.

Sì perché questo libro di Paul Allen ci racconta anche di un Bill Gates capace di imprimere slancio commerciale alla neonata azienda fino a farla diventare Microsoft il colosso che tutti conosciamo. In questo percorso Bill non è solo, oltre al socio fondatore autore del libro di cui stiamo parlando, Paul Allen ci racconta della decisione di assumere Steve Ballmer, altro personaggio storico di Microsoft, o di quella di "attrarre" in azienda un ricercatore della sopra citata Xerox al quale si deve l'invenzione del famoso programma di videoscrittura Word.

Entreremo quindi nelle sale riunioni dell'ancora piccola azienda assistendo ai brutali scontri tra i top manager sulle diverse visioni strategiche da intraprendere, sul numero dei dipendenti da assumere o sul tipo di accordi commerciali da chiudere.

Ma soprattutto assisteremo al decollo della piccola Microsoft a multinazionale monopolista il sistema operativo MS-DOS diventa, di fatto, lo standard su tutti i personal computer in commercio.

 

Il commerciale ed il tecnico

Il successo di questa azienda è dovuto, oltre all'indiscutibile genialità dei suoi fondatori anche al loro diverso modo di essere geniali: Paul Allen focalizzato sulle opportunità strategiche della tecnologia; Bill Gates concentrato sulle richieste del mercato, dei clienti da soddisfare, basta che portino utili.

Da questa doppia anima (commerciale e tecnica) possiamo anche riflettere su come importanti prodotti lanciati sul mercato siano a volte figli di una sola anima, commerciale o tecnica. Capiremo perché quel cliente ci aveva detto che quel prodotto, quella idea era bella ma inutilizzabile perché troppo complessa, difficile da utilizzare o perché l'altro prodotto, commercialmente molto appealing, molto spinto dal marketing, non soddisfacesse le esigenze dei consumatori, di quelli che, alla fine, dovevano utilizzarlo.

 

Perchè leggerlo

Oltre a raccontare una storia importante, quella di Paul Allen, questo libro ci parla di Microsoft dall’interno. Nel fare questo l'autore estende la panoramica anche agli scenari di mercato attuali e futuri, alle prossime sfide che tutte le aziende high-tech dovranno affrontare.

Infine ci parla di cultura aziendale e dei rischi che le organizzazioni corrono quando troppo soddisfatte di sé stesse e del loro successo. Anche colossi con cash flow importanti possono improvvisamente, nell'era di Internet, essere minacciati da piccole start-up che sfidano il gigante: Amazon, Google e Facebook insegnano.

Post popolari in questo blog

I concetti di feedback e feedforward

Il termine feedback è di uso comune soprattutto in ambito aziendale ed organizzativo. A questo però dobbiamo aggiungere un altro termine, poco conosciuto: feedforward. Di cosa si tratta? Come viene definito in psicologia? Anche in questo caso ci faremo aiutare in questa definizione dal libro “Teoria dei sistemi evolutivi” di Ford e Lerner (ed. Cortina).
Segnali di feedback e feedforward I segnali di feedback e feedforward vengono realizzati attraverso segnali di natura informazionale. Per quanto riguarda il feedback esso può essere: Negativo: è il tipo di feedback più conosciuto e ha come scopo quello di ridurre la distanza tra lo stato attuale e l’obiettivo desiderato. Ha come obiettivo il mantenimento della stabilità. Positivo: feedback tendente ad aumentare la differenze tra lo stato effettivo e quello desiderato. E’ il tipo di feedback che produce il cambiamento. Feedforward: è un processo orientato al futuro, implica processi predittivi relativi al modi di ottenere i risultati desider…

Il significato del lavoro in psicologia

 
Riprendiamo il post della settimana scorsa dove abbiamo parlato dei cambiamenti nella forza lavoro ed affrontiamo insieme il tema del significato del lavoro e di come questo si sia modificato nel tempo. Anche in questo caso prenderemo come riferimento il testo "Psicologia del lavoro" di Guido Sarchielli (Il Mulino, 2003).

Abbiamo visto, nei post precedenti, come e quanto il lavoro sia cambiato nel corso del tempo. Soprattutto nel settore terziario si assiste ad una trasformazione dei contesti organizzativi.

Trasformazione che vede, in primo luogo, l'"appiattimento" delle gerarchie aziendali oltre a modificare i tradizionali ruoli lavorativi che diventano meno definiti. Cambiano anche i requisiti richiesti ai lavoratori i quali devono avere nuove competenze generali, sociali, cognitive, capacità di autogestione, cooperazione e coinvolgimento personale.

Task analysis e job analysis in psicologia del lavoro


Riprendiamo il post della settimana scorsa dove abbiamo parlato del significato del lavoro ed affrontiamo in questo post il tema dell'analisi del lavoro facendo riferimento alle attività di task analysis e job analysis. Anche in questo caso prenderemo come riferimento il testo "Psicologia del lavoro" di Guido Sarchielli (Il Mulino, 2003).
Task analysis e job analysis, cosa sono? Con questi termini intendiamo fare riferimento a metodi di rilevazione e analisi per conoscere come si svolge il lavoro e quali requisiti richiede perché sia eseguito al meglio e con effetti positivi sulle persone. Ci riferiamo, anche in questo ambito, all'ambito di ricerca della psicologia del lavoro.