Passa ai contenuti principali

Segnalazione: "La formazione utile" di Giorgio Neglia


La formazione utile. Leve strategiche, piani condivisi,  fondi interprofessionali e qualità  per il corporate learning di Giorgio Neglia (Rubbettino Editore, 2012 
pp. 170 – Euro 16.00

Nel raggiungere l’obiettivo della “crescita intelligente” fissato da “Europa 2020”, gli investimenti in capitale umano delle imprese sono indispensabili, decisivi e non più rinviabili, pena il rimanere bloccati in segmenti a basso valore aggiunto nella divisione del lavoro internazionale.

Per non fermarsi alle enunciazioni di principio, queste stringenti esigenze devono tradursi scelte strategiche e prassi gestionali in grado di coniugare efficienza ed efficacia del corporate learning. 

In questo quadro, il volume offre a esperti, manager e imprenditori, metodologie e strumenti  atti a declinare in modo operativo alcune priorità d’azione per lo sviluppo delle risorse  umane: i) misurare l’apporto del training alle performance aziendali, impostando un piano di formazione; ii) utilizzare le fonti di finanziamento disponibili e orientarsi nella scelta di un fondo interprofessionale; iii) ottimizzare la gestione delle fasi di presentazione, monitoraggio e rendicontazione di un piano formativo; iv) valutare in modo sistemico i diversi risultati in una logica di miglioramento continuo della qualità dei processi. 


Il percorso proposto dal volume parte dell’analisi dello scenario nel quale maturano le scelte formative, per giungere alla descrizione di alcuni strumenti per la pianificazione strategica, la gestione e il finanziamento e la  valutazione del corporate learning. 

Il primo capitolo, La strategia e la formazione, dà conto delle principali argomentazioni che portano a considerare, a seconda dei casi, più o meno rilevante la leva formativa per la competitività delle organizzazioni. Si illustrano le modalità per rendere tangibile l’apporto dell’education alle performance, proponendo un modello interpretativo dei legami esistenti tra ambiente, strategia, obiettivi di business e sviluppo delle competenze. Ci si sofferma, inoltre, sulle peculiarità e i trend del mercato della formazione nel  nostro paese, evidenziandone i punti di forza e debolezza, i margini di miglioramento e le scelte delle imprese, anche con  riferimento all’attuale congiuntura economica.

Il secondo capitolo,  Il processo e il piano formativo, si focalizza sulle macro fasi di attività che caratterizzano il processo formativo e propone uno strumento, il piano di formazione, in grado di ottimizzare la traduzione strategica, gestionale e operativa delle decisioni. L’utilizzo dello strumento-piano, del quale si fornisce un’esemplificazione, è essenziale anche per un corretto 
approccio alle questioni attinenti alle dimensioni economico-finanziarie della formazione alle quali sono dedicati i due capitoli successivi. 

Il terzo capitolo, I finanziamenti e i fondi interprofessionali, offre una sintesi delle principali fonti di finanziamento disponibili in Italia a supporto degli investimenti in formazione. Dopo un cenno alle risorse pubbliche, si analizzano natura e meccanismi di funzionamento dei fondi interprofessionali, che rappresentano una concreta possibilità di ottenere in modo innovativo incentivi alla formazione, fornendo agli operatori elementi per orientarsi nella scelta consapevole del fondo e delle diverse modalità di accesso  ai finanziamenti. 

Il quarto capitolo, La gestione e il controllo, descrive le diverse fasi del processo di presentazione, valutazione e finanziamento di un piano formativo condiviso. Particolare attenzione è riservata alle attività di monitoraggio e rendicontazione, che presuppongono l’impostazione di un sistema di gestione della qualità della formazione. 

Il quinto capitolo, La qualità e la valutazione, presenta una disamina delle modalità per gestire in modo efficace ed efficiente i processi formativi improntandoli alle logiche del miglioramento continuo. Si analizzano inoltre gli elementi caratterizzanti i principali sistemi e modelli di qualità per la formazione, giungendo alla descrizione dei molteplici livelli della valutazione dei risultati, dalle reazioni dei partecipanti fino al ritorno sugli investimenti. Il lavoro si conclude con una sezione dedicata alle risorse on line e la bibliografia, che fornisce una sintesi dei riferimenti utilizzabili per ottenere ulteriori informazioni e aggiornamenti sui principali argomenti trattati nel volume.

Il blog del libro
Il blog contiene un preview di alcuni contenuti e materiali supplementari

Giorgio Neglia Direttore di ricerca  dell’Associazione Management Club, è docente di Formazione delle risorse umane presso «Il Sole 24 Ore» Business School. Ha collaborato con Fondirigenti, Confindustria, Conferenza dei Rettori e Isfol  - Ministero del lavoro nell’ambito di progetti sul finanziamento, la valutazione e la qualità dei sistemi formativi. 

Post popolari in questo blog

I concetti di feedback e feedforward

Il termine feedback è di uso comune soprattutto in ambito aziendale ed organizzativo. A questo però dobbiamo aggiungere un altro termine, poco conosciuto: feedforward. Di cosa si tratta? Come viene definito in psicologia? Anche in questo caso ci faremo aiutare in questa definizione dal libro “Teoria dei sistemi evolutivi” di Ford e Lerner (ed. Cortina).
Segnali di feedback e feedforward I segnali di feedback e feedforward vengono realizzati attraverso segnali di natura informazionale. Per quanto riguarda il feedback esso può essere: Negativo: è il tipo di feedback più conosciuto e ha come scopo quello di ridurre la distanza tra lo stato attuale e l’obiettivo desiderato. Ha come obiettivo il mantenimento della stabilità. Positivo: feedback tendente ad aumentare la differenze tra lo stato effettivo e quello desiderato. E’ il tipo di feedback che produce il cambiamento. Feedforward: è un processo orientato al futuro, implica processi predittivi relativi al modi di ottenere i risultati desider…

Task analysis e job analysis in psicologia del lavoro


Riprendiamo il post della settimana scorsa dove abbiamo parlato del significato del lavoro ed affrontiamo in questo post il tema dell'analisi del lavoro facendo riferimento alle attività di task analysis e job analysis. Anche in questo caso prenderemo come riferimento il testo "Psicologia del lavoro" di Guido Sarchielli (Il Mulino, 2003).
Task analysis e job analysis, cosa sono? Con questi termini intendiamo fare riferimento a metodi di rilevazione e analisi per conoscere come si svolge il lavoro e quali requisiti richiede perché sia eseguito al meglio e con effetti positivi sulle persone. Ci riferiamo, anche in questo ambito, all'ambito di ricerca della psicologia del lavoro.

Il significato del lavoro in psicologia

 
Riprendiamo il post della settimana scorsa dove abbiamo parlato dei cambiamenti nella forza lavoro ed affrontiamo insieme il tema del significato del lavoro e di come questo si sia modificato nel tempo. Anche in questo caso prenderemo come riferimento il testo "Psicologia del lavoro" di Guido Sarchielli (Il Mulino, 2003).

Abbiamo visto, nei post precedenti, come e quanto il lavoro sia cambiato nel corso del tempo. Soprattutto nel settore terziario si assiste ad una trasformazione dei contesti organizzativi.

Trasformazione che vede, in primo luogo, l'"appiattimento" delle gerarchie aziendali oltre a modificare i tradizionali ruoli lavorativi che diventano meno definiti. Cambiano anche i requisiti richiesti ai lavoratori i quali devono avere nuove competenze generali, sociali, cognitive, capacità di autogestione, cooperazione e coinvolgimento personale.