Passa ai contenuti principali

PMI: INCENTIVI PER L’ASSUNZIONE DI MANAGER DISOCCUPATI

9.715.000 euro: a tanto ammontano gli incentivi messi in campo da Italia Lavoro (grazie al finanziamento del Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali attinti dal Fondo Sociale Europeo) per favorire con Manager to Work la competitività delle imprese con l’inserimento di dirigenti e quadri momentaneamente disoccupati e incentivare l’autoimprenditorialità dei manager. 
Un riconoscimento, anche da parte del Ministro del Lavoro, dell’importanza della managerialità per la crescita, frutto dell’impegno di Federmanager e Manageritalia e della proficua collaborazione con Italia Lavoro.

Per le imprese che inseriscono manager incentivi da 28 a 5 mila euro 
Le imprese che si avvarranno della collaborazione di dirigenti o quadri disoccupati, con contratto di lavoro da dirigente (a tempo indeterminato, determinato di almeno 24 mesi, a tempo determinato o di collaborazione di almeno 12 mesi) potranno, presentando l’apposita domanda, fruire di un “bonus assunzionale” da 28.000 a 5.000 euro, a seconda del contratto applicato, delle caratteristiche del manager e della dimensione dell’azienda.
Gli incentivi più elevati vanno a over50. donne, PMI e Sud. (vedi dettaglio).
Potranno accedere ai contributi le imprese che hanno una o più sedi operative nel territorio nazionale e abbiano effettuato assunzioni di quadri o dirigenti disoccupati a partire dal 21 maggio 2013 e fino al 31/12/2014.
La domanda di ammissione ai contributi dovrà essere presentata online (a partire dal 27 giugno), entro e non oltre 45 giorni dalla data di assunzione del manager.

Per i manager disoccupati che creano imprese incentivo di 25 mila euro
I dirigenti e quadri disoccupati che si rioccupino attraverso iniziative di autoimpiego o creazione di impresa potranno beneficiare di un contributo sino a un massimo di 25.000 euro, elevabile a 50.000 o 75.000 euro nel caso di associazione professionale e/o impresa costituita in forma societaria da due, tre o più dirigenti e/o quadri, disoccupati. 
Potranno accedere ai contributi esclusivamente i manager disoccupati che intendano avviare iniziative di autoimpiego o creazione di impresa a partire dal 21 maggio 2013 e fino al 31/12/2014 presentando la domanda di ammissione al contributo online sul sito di Italia Lavoro.

Post popolari in questo blog

I concetti di feedback e feedforward

Il termine feedback è di uso comune soprattutto in ambito aziendale ed organizzativo. A questo però dobbiamo aggiungere un altro termine, poco conosciuto: feedforward. Di cosa si tratta? Come viene definito in psicologia? Anche in questo caso ci faremo aiutare in questa definizione dal libro “Teoria dei sistemi evolutivi” di Ford e Lerner (ed. Cortina).
Segnali di feedback e feedforward I segnali di feedback e feedforward vengono realizzati attraverso segnali di natura informazionale. Per quanto riguarda il feedback esso può essere: Negativo: è il tipo di feedback più conosciuto e ha come scopo quello di ridurre la distanza tra lo stato attuale e l’obiettivo desiderato. Ha come obiettivo il mantenimento della stabilità. Positivo: feedback tendente ad aumentare la differenze tra lo stato effettivo e quello desiderato. E’ il tipo di feedback che produce il cambiamento. Feedforward: è un processo orientato al futuro, implica processi predittivi relativi al modi di ottenere i risultati desider…

Il significato del lavoro in psicologia

 
Riprendiamo il post della settimana scorsa dove abbiamo parlato dei cambiamenti nella forza lavoro ed affrontiamo insieme il tema del significato del lavoro e di come questo si sia modificato nel tempo. Anche in questo caso prenderemo come riferimento il testo "Psicologia del lavoro" di Guido Sarchielli (Il Mulino, 2003).

Abbiamo visto, nei post precedenti, come e quanto il lavoro sia cambiato nel corso del tempo. Soprattutto nel settore terziario si assiste ad una trasformazione dei contesti organizzativi.

Trasformazione che vede, in primo luogo, l'"appiattimento" delle gerarchie aziendali oltre a modificare i tradizionali ruoli lavorativi che diventano meno definiti. Cambiano anche i requisiti richiesti ai lavoratori i quali devono avere nuove competenze generali, sociali, cognitive, capacità di autogestione, cooperazione e coinvolgimento personale.

Task analysis e job analysis in psicologia del lavoro


Riprendiamo il post della settimana scorsa dove abbiamo parlato del significato del lavoro ed affrontiamo in questo post il tema dell'analisi del lavoro facendo riferimento alle attività di task analysis e job analysis. Anche in questo caso prenderemo come riferimento il testo "Psicologia del lavoro" di Guido Sarchielli (Il Mulino, 2003).
Task analysis e job analysis, cosa sono? Con questi termini intendiamo fare riferimento a metodi di rilevazione e analisi per conoscere come si svolge il lavoro e quali requisiti richiede perché sia eseguito al meglio e con effetti positivi sulle persone. Ci riferiamo, anche in questo ambito, all'ambito di ricerca della psicologia del lavoro.