Passa ai contenuti principali

Se ci devi lavorare, meglio Milano o Roma?

Ammettetelo, tutte le volte che siete volati per un meeting a Roma avete pensato a quanto sarebbe bello trasferirsi nella Città Eterna. Cielo azzurro, clima temperato e l’impressione di vivere all’interno di un’opera d’arte. Ancora non vi siete decisi e continuate a chiedervi, meglio Milano o Roma?
Se siete nella fase in cui state ancora decidendo se cambiare città e trasferirvi nella Capitale (o nel Capoluogo milanese) allora prendetevi il tempo per leggere questo divertente libro di Micol Arianna Beltramin “Perché Milano è meglio di Roma (se ci devi  vivere)” (ed. Mondadori, 2013).
L’autrice, knowledge worker nel campo dell’editoria milanese, decide di lasciare il lavoro e la sua città per vivere il grande sogno nella Capitale. Durante il rituale saluto di commiato in ufficio, davanti a tutti i colleghi, la sua manager la saluta con un perplesso “vedrai”. Con questo presagio la nostra eroina parte per la Capitale passando dall’entusiasmo iniziale alle prime, inevitabili, difficoltà di adattamento che caratterizzano qualunque trasferimento in qualunque città, italiana o all’estero.
Attraverso una serie di episodi leggeri e divertenti questo libro ci fa riflettere e sorridere sulle differenze di abitudini, comportamenti e stili di vita delle due città:
  • È più “educata” Milano o Roma?
  • Quale ha il clima migliore?
  • Mezzi pubblici e traffico.
  • Dove si lavora meglio?
Perché leggerlo
Micol Beltramin, autrice anche del libro “101 cose da fare a Milano almeno una volta nella vita” ci racconta in modo leggero e scherzoso le difficoltà di un milanese trapiantato a Roma (e viceversa). Lo fa con un tono leggero, scherzando sui principali luoghi comuni delle due città, senza cadere nel campanilismo esasperato. Questo libro ci lascia però anche una riflessione valida a prescindere dalla città nella quale pianificate di andare a vivere e lavorare, siano esse Milano, Roma, Londra o New York: un conto è l’esperienza da turista, un conto è viverci.
E secondo voi, per lavorarci, meglio Milano o Roma? Partecipa alla discussione sul blog di Manageritalia.it

Post popolari in questo blog

I concetti di feedback e feedforward

Il termine feedback è di uso comune soprattutto in ambito aziendale ed organizzativo. A questo però dobbiamo aggiungere un altro termine, poco conosciuto: feedforward. Di cosa si tratta? Come viene definito in psicologia? Anche in questo caso ci faremo aiutare in questa definizione dal libro “Teoria dei sistemi evolutivi” di Ford e Lerner (ed. Cortina).
Segnali di feedback e feedforward I segnali di feedback e feedforward vengono realizzati attraverso segnali di natura informazionale. Per quanto riguarda il feedback esso può essere: Negativo: è il tipo di feedback più conosciuto e ha come scopo quello di ridurre la distanza tra lo stato attuale e l’obiettivo desiderato. Ha come obiettivo il mantenimento della stabilità. Positivo: feedback tendente ad aumentare la differenze tra lo stato effettivo e quello desiderato. E’ il tipo di feedback che produce il cambiamento. Feedforward: è un processo orientato al futuro, implica processi predittivi relativi al modi di ottenere i risultati desider…

Il significato del lavoro in psicologia

 
Riprendiamo il post della settimana scorsa dove abbiamo parlato dei cambiamenti nella forza lavoro ed affrontiamo insieme il tema del significato del lavoro e di come questo si sia modificato nel tempo. Anche in questo caso prenderemo come riferimento il testo "Psicologia del lavoro" di Guido Sarchielli (Il Mulino, 2003).

Abbiamo visto, nei post precedenti, come e quanto il lavoro sia cambiato nel corso del tempo. Soprattutto nel settore terziario si assiste ad una trasformazione dei contesti organizzativi.

Trasformazione che vede, in primo luogo, l'"appiattimento" delle gerarchie aziendali oltre a modificare i tradizionali ruoli lavorativi che diventano meno definiti. Cambiano anche i requisiti richiesti ai lavoratori i quali devono avere nuove competenze generali, sociali, cognitive, capacità di autogestione, cooperazione e coinvolgimento personale.

Task analysis e job analysis in psicologia del lavoro


Riprendiamo il post della settimana scorsa dove abbiamo parlato del significato del lavoro ed affrontiamo in questo post il tema dell'analisi del lavoro facendo riferimento alle attività di task analysis e job analysis. Anche in questo caso prenderemo come riferimento il testo "Psicologia del lavoro" di Guido Sarchielli (Il Mulino, 2003).
Task analysis e job analysis, cosa sono? Con questi termini intendiamo fare riferimento a metodi di rilevazione e analisi per conoscere come si svolge il lavoro e quali requisiti richiede perché sia eseguito al meglio e con effetti positivi sulle persone. Ci riferiamo, anche in questo ambito, all'ambito di ricerca della psicologia del lavoro.