Passa ai contenuti principali

Campagne 2013: un anno da dimenticare per la pubblicità?

Nell’introduzione a questo libro, Emanuele Gabardi, imprenditore nel campo della comunicazione culturale e consulente di strategie di comunicazione, snocciola una serie di dati relativi all’annus horribilis 2013 che fanno rabbrividire (anche perché l’inverno della crisi non è ancora terminato e sembra mostrare una coda ancora lunga). Una serie di dati socio-demografici ed economici che chiunque si occupi di pubblicità, deve avere ben presente per capire l’andamento dei propri mercati target.
Secondo i dati Nielsen, nel 2013 il mercato pubblicitario è sceso complessivamente del 12.3%. Sapevamo già come il comparto non godesse di ottima salute ma all’interno di questi dati con il segno meno eravamo però abituati a vedere, in controtendenza, almeno la crescita del mercato pubblicitario su Internet. Non nel 2013: -1.8% rispetto al +5.3% registrato nel 2012. D’altronde i dati del mercato pubblicitario rispecchiano una situazione d’indubbia difficoltà economica da parte degli italiani: le aziende licenziano, nelle famiglie si tagliano le spese alimentari, aumenta la precarietà tra giovani e meno giovani. Come ha reagito il mondo della pubblicità a questo scenario negativo? Quali strategie di comunicazione hanno messo, stanno mettendo in atto i grossi player della comunicazione in Italia? Quali messaggi sono sostenibili in questo contesto? Quali i “registri” di comunicazione adatti per continuare a fare comunicazione nonostante tutto?
Lo racconta Emanule Gabardi in questo libro edito da Franco Angeli, Campagne 2013. Diciotto casi di comunicazione in un anno vissuto pericolosamente (collana Casi di comunicazione, 2014), Diciotto casi di aziende che hanno deciso di comunicare nel 2013, nonostante la crisi. Si parte da Altroconsumo che “ne sa una più del diavolo” come recita la campagna, si passa poi a Barilla, BNL, De Cecco, Galbusera, Vodafone e Lancia solo per citare alcuni delle case histories riportate in questo libro. Interessante, inoltre, analizzare il “dietro le quinte creative” alla base della campagna Enel 2013 “#GUERRIERI” che ha guadagnato molta visibilità grazie alla strategia di comunicazione integrata con web e social. Cosa ne pensate? Secondo voi, la pubblicità ha saputo interpretare e comunicare con efficacia in questo periodo di crisi? Partecipa alla discussione su Manageritalia.it

Post popolari in questo blog

I concetti di feedback e feedforward

Il termine feedback è di uso comune soprattutto in ambito aziendale ed organizzativo. A questo però dobbiamo aggiungere un altro termine, poco conosciuto: feedforward. Di cosa si tratta? Come viene definito in psicologia? Anche in questo caso ci faremo aiutare in questa definizione dal libro “Teoria dei sistemi evolutivi” di Ford e Lerner (ed. Cortina).
Segnali di feedback e feedforward I segnali di feedback e feedforward vengono realizzati attraverso segnali di natura informazionale. Per quanto riguarda il feedback esso può essere: Negativo: è il tipo di feedback più conosciuto e ha come scopo quello di ridurre la distanza tra lo stato attuale e l’obiettivo desiderato. Ha come obiettivo il mantenimento della stabilità. Positivo: feedback tendente ad aumentare la differenze tra lo stato effettivo e quello desiderato. E’ il tipo di feedback che produce il cambiamento. Feedforward: è un processo orientato al futuro, implica processi predittivi relativi al modi di ottenere i risultati desider…

Voglio un lavoro, anzi due, o tre…Intervista a Emilie Wapnick

Da leggere l'intervista di Davide Mura a Emilie Wapnick pubblicata su Manageritalia.it. Emilie Wapnick, autrice del libro "How to be everything - A guide for those who (still) don’t know what they want to be when they grow up" (pagg. 240, HarperOne) è nata nel 1984 a Montreal. È autrice di canzoni, musicista, web designer, regista, scrittrice, insegnante, imprenditrice e blogger. Ha studiato arte e film making, conseguendo una laurea in legge presso la McGill University. È career & life coach, tiene conferenze per i Ted Talks ed è founder and creative director di Puttylike.com, piattaforma di condivisione dedicata ai multipotenziali e alle carriere multiple. I media internazionali pubblicano regolarmente servizi su di lei, dalla BBC al Financial Times, dall’Huffington Post a Forbes.

Qui e ora: un tagliando alla carriera

È ora di fare il tagliando, non quello alla macchina. So che siete tipi precisi e che a questo avete già pensato, avete portato la macchina a controllare i livelli di olio, acqua, pressione gomme e fare in modo che sia tutto a posto prima della partenza. No, questa volta sto parlando del tagliando alla vostra carriera per rifare la convergenza ai vostri obiettivi e ambizioni professionali.  È stato un anno duro, avete macinato chilometri, sempre in giro tra clienti, riunioni o aerei da prendere, nella fretta però, avete lasciato spento il navigatore e spesso avete smarrito la strada. È arrivato quindi il momento di fermarsi per una sosta e per fare il punto della situazione.
L’occasione per un “passaggio ai box” ci è data dal libro di Andrea Colombo “Qui e ora. Più consapevoli per valorizzare il proprio Talento e raggiungere il vero Successo” (Fausto Lupetti editore, 2016). Non è il classico libro da leggere sotto l’ombrellone, qualche pensiero zen, qualche pratica mindfullness e pro…