Passa ai contenuti principali

Segnalazione evento: ciclo di incontri organizzato in occasione della terza edizione di BookCity Milano


Modus Vivendi, il ciclo di incontri organizzato da Università Bocconi, Egea e Fondazione Corriere della Sera in occasione della terza edizione di BookCity Milano.

Un ciclo di incontri, proposte di lettura e di dibattito su stili di vita, esperienze, pratiche e teorie che alimentano i vissuti sociali oggi, che vede protagonisti gli ultimi libri della casa editrice Egea che meglio rispondono alle cinque aree tematiche dei dibattiti: Vivere globale, cose da sapere e fare lontano da “casa propria” dal libro di Francesca Prandstraller, Vivere all’estero. Guida per una relocation di successo (giovedì ore 13 in  Bocconi); Vivere Sharing. Condividere e collaborare: cosa, come perchè, dal libro di Ivana Pais, Paola Paretti e Chiara Spinelli, Crowdfunding. La via collaborativa all’imprenditorialità (giovedì ore 18 in Bocconi).

Si prosegue venerdì 14 novembre con Vivere dietro le quinte. Gli artefici nascosti di un grande successo, dal libro Invisibili. Dietro le quinte del successo di David Zweig (ore 13 in Bocconi); Vivere Solw. Non è solo una questione di ritmo, da Slow. Rallentare per vivere meglio di Sylvain Menétreye e Stéphane Szerman (ore 18 in Bocconi).

Vivere digitale. Culture pratiche dall’education al leisure è il tema dell’incontro di sabato (ore 18  in Fondazione Corriere della Sera. Prenotazione obbligatoria 02-87387707; rsvp@fondazionecorriere.it). Spunti da Meet the Media Guru. A tu per tu con la cultura digitale, curati da Maria Grazia Mattei, e dai volumi Boomerang. Perché 100 anni di tecnologia non hanno (ancora) migliorato il mondo di Nicola Palmarini;Comportamenti digitali. Essere giovani ed essere vecchi ai tempi di internet di Luigi Proserpio.

Scarica il programma di Modus Vivendi

Post popolari in questo blog

I concetti di feedback e feedforward

Il termine feedback è di uso comune soprattutto in ambito aziendale ed organizzativo. A questo però dobbiamo aggiungere un altro termine, poco conosciuto: feedforward. Di cosa si tratta? Come viene definito in psicologia? Anche in questo caso ci faremo aiutare in questa definizione dal libro “Teoria dei sistemi evolutivi” di Ford e Lerner (ed. Cortina).
Segnali di feedback e feedforward I segnali di feedback e feedforward vengono realizzati attraverso segnali di natura informazionale. Per quanto riguarda il feedback esso può essere: Negativo: è il tipo di feedback più conosciuto e ha come scopo quello di ridurre la distanza tra lo stato attuale e l’obiettivo desiderato. Ha come obiettivo il mantenimento della stabilità. Positivo: feedback tendente ad aumentare la differenze tra lo stato effettivo e quello desiderato. E’ il tipo di feedback che produce il cambiamento. Feedforward: è un processo orientato al futuro, implica processi predittivi relativi al modi di ottenere i risultati desider…

Il significato del lavoro in psicologia

 
Riprendiamo il post della settimana scorsa dove abbiamo parlato dei cambiamenti nella forza lavoro ed affrontiamo insieme il tema del significato del lavoro e di come questo si sia modificato nel tempo. Anche in questo caso prenderemo come riferimento il testo "Psicologia del lavoro" di Guido Sarchielli (Il Mulino, 2003).

Abbiamo visto, nei post precedenti, come e quanto il lavoro sia cambiato nel corso del tempo. Soprattutto nel settore terziario si assiste ad una trasformazione dei contesti organizzativi.

Trasformazione che vede, in primo luogo, l'"appiattimento" delle gerarchie aziendali oltre a modificare i tradizionali ruoli lavorativi che diventano meno definiti. Cambiano anche i requisiti richiesti ai lavoratori i quali devono avere nuove competenze generali, sociali, cognitive, capacità di autogestione, cooperazione e coinvolgimento personale.

Task analysis e job analysis in psicologia del lavoro


Riprendiamo il post della settimana scorsa dove abbiamo parlato del significato del lavoro ed affrontiamo in questo post il tema dell'analisi del lavoro facendo riferimento alle attività di task analysis e job analysis. Anche in questo caso prenderemo come riferimento il testo "Psicologia del lavoro" di Guido Sarchielli (Il Mulino, 2003).
Task analysis e job analysis, cosa sono? Con questi termini intendiamo fare riferimento a metodi di rilevazione e analisi per conoscere come si svolge il lavoro e quali requisiti richiede perché sia eseguito al meglio e con effetti positivi sulle persone. Ci riferiamo, anche in questo ambito, all'ambito di ricerca della psicologia del lavoro.