Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Maggio, 2015

A scuola col tablet?

Chi ha figli che frequentano la scuola dell’obbligo li vedrà uscire tutte le mattine con zaini enormi sulle spalle, carichi come se partissero per un campeggio estivo. Puntuale, ad ogni riunione di classe, qualcuno tra i genitori lancia la proposta di sostituire i libri di testo con le versioni digitali per ebook o tablet con memorie capaci di ospitare centinaia di pagine. Peccato però che la proposta assuma quasi sempre i temi del contrasto tra professori accusati di essere “all’antica”, timorosi del nuovo che avanza e genitori tecno-fan entusiasti che, per il semplice fatto di avere un account su Facebook o di “lavorare con i computer” danno l’assalto al corpo docente accusandolo di conservatorismo e avversione per le nuove tecnologie. Come è facile immaginare, di fronte a prese di posizioni così radicali, il discorso viene fatto cadere. Perché? Spesso, chi lavora in ambito digital è convinto di appartenere a un’élite, a un avamposto digitale la cui mission è quella di evangelizzare…
L'editore Franco Angeli presenta un nuovo progetto editoriale chiamato NEO totalmente dedicato alla innovazione digitale.
La prima novità di NEO è di essere qualcosa di più di una semplice collana perché ai testi che via via usciranno – nella doppia versione cartacea e eBook – si affianca una piattaforma digitale di conversazione http://blog.francoangeli.it/neo alimentata progressivamente dagli autori e arricchita dagli utenti. I contenuti dei libri vengono quindi aggiornati, integrati ed arricchiti di continuo nella piattaforma online.
L’altra novità di NEO è che l’innovazione digitale è affrontata nel suo complesso, come fenomeno culturale, scientifico e sociale e, contemporaneamente, viene approfondita, in maniera verticale e specialistica in diverse aree: impresa, management, comunicazione, scienze sociali, sanità, pubblica amministrazione …. Per ogni area tematica, NEO accoglierà le opere di esperti, nazionali e internazionali.
Il progetto editoriale NEO è diretto dal giorna…

Che cosa fa un leader?

Diverse ricerche hanno concentrato il loro interesse nel descrivere, su una base empirica, i comportamenti reali di capi e dirigenti. Queste ricerche avevamo come obiettivo il trovare risposta alla domanda: come può un capo costruire le condizioni ideali per un lavoro efficace della propria squadra?Oltre a pianificare il lavoro della propria squadra, il leader deve affiancare attività finalizzate a facilitare l’introduzione di nuovi mezzi tecnici (il gruppo deve “tenere il passo” coi tempi) e a creare una condivisione delle priorità aziendali. Ne consegue che, se il capo non si comporta da leader fornendo questo tipo di supporto, qualche altro membro dell’unità organizzativa potrebbe farsi carico di tali adempimenti, facendo decadere l’identificazione concettuale tra leader e direzione. In quali aree di attività viene esercitata la leadership? 1.DECIDERE (Pianificazione ed organizzazione / soluzione dei problemi / consultazione / delega) 2.INFLUENZARE (motivazione / riconoscimento / r…

Chi è un buon leader?

In letteratura non c’è ancora un accordo su cosa sia la leadership nelle organizzazioni, ma molti sono gli studi al riguardo che esprimono diverse visioni dell’argomento:Visione manageriale, orientata alla gestione. La leadership è soprattutto un processo originato principalmente dai capi formali che esercitano il loro ruolo. Sarebbe una delle specializzazioni all’interno dell’organizzazione e l’attenzione è dunque focalizzata sulle azioni del leader e sulle condizioni che favoriscono successo.Leadership come processo sociale, l’attenzione non più rivolta al leader, ma sul modo in cui diversi membri del gruppo possono svolgere funzioni di leadership in funzione delle loro caratteristiche personali, ma soprattutto delle dinamiche di interazione e di reciproco influenzamento.Quali sono i meccanismi che fanno di una persona un leader? Rispondendo a tale domanda sarebbe possibile selezionare le persone più adatte.Sono due le grandi categorie di fattori capaci di spiegare la Leadership eff…

Alla ricerca dell'eccellenza

Siete all’ennesima conventionaziendale, sul palco il direttore di divisione ripete ancora la parola “eccellenza” come fosseun mantra. Raggiungere l’eccellenza, raggiungere l’eccellenza. Le parole, se ripetute spesso tendono a perdere di significato e diventare vuote. Cosa vuol dire “eccellenza”? Come la si raggiunge in ambito organizzativo e individuale? Lo spiega questo libro pubblicato da Franco Angeli, “Alla ricerca dell’eccellenza comportamentale. Un modello per il miglioramento continuo di aziende e professionisti”di Angelo Mandruzzato e Vessillo Valentinis.
Il metodo Kaizen per il miglioramento continuo Come può un’organizzazione migliorare i propri risultati di qualità, quote di mercato e fatturato? Distinguendosi nella mente dei consumatori come produttori di beni o servizi eccellenti. Come raggiungere l’eccellenza? Non basta lo slancio creativo o la capacità imprenditoriale di qualche leader coraggioso. Ci vuole metodo e uno di questi, tra i più quotati in ambito manageriale r…

Gerarchia e leadership nelle organizzazioni

La new-economy e le giovani multinazionali che si sono affermate sulla sua scia hanno contribuito molto a cambiare l’idea di “organizzazione”. Non più innumerevoli livelli gerarchici con capi e funzionari intermedi ma strutture snelle, piatte. Tanto da sollevare il seguente dubbio: ha ancora senso parlare di “gerarchia” all’interno di un’organizzazione? Partiamo dalla definizione, cosa si intende con il termine gerarchia? Gerarchia è lo strumento usato dalle organizzazioni per cercare di ridurre la distanza tra obiettivi e risultati.
Poniamo un esempio di 2 team aziendali che devono collaborare in modo coordinato ad un progetto. Fissare solo le regole potrebbe non essere sufficiente, quindi viene affidata la guida dei due gruppi ad un capo responsabile del coordinamento e che eserciti una funzione di controllo. La problematica di fondo quindi è sempre il potere, il capo infatti deve godere di potere che usa per stimolare ed indirizzare i comportamenti.Cos’è il potere? E’ la capacità di …