Passa ai contenuti principali

Al posto tuo. Così web e robot ci stanno rubando il lavoro

Da qualche tempo circola su LinkedIn una slide che mette a confronto fatturato e numero di dipendenti di grosse multinazionali rispetto a quello di giovani aziende a forte innovazione tecnologica. Piccole startup-Davide sarebbero in grado di fare business in modo più efficiente e veloce rispetto alle grosse multinazionali-Golia. 
Il messaggio è chiaro: si possono fare profitti e gestire un’impresa anche con poche persone, riducendo al minimo necessario le risorse cosiddette “umane”. I “like” ricevuti sui social da questo post mi hanno fatto riflettere. Sono tutte condivisioni provenienti da avidi speculatori, da investitori di fondi d’investimento ingolositi dalla possibilità di forti ritorni sull’investimento a fronte di costi fissi ridotti? No. I “like” erano anche di normali knowledge workers, persone che lavorano per grosse aziende. Un’intera categoria di lavoratori che in un futuro neanche troppo lontano perderanno il loro posto di lavoro. 250 milioni entro il 2025, questa la stima della società di consulenza McKinsey. Licenziamenti causati da una sempre maggiore spinta verso l’automazione di tutte quelle attività da “colletto bianco” che si ritenevano al sicuro da questa minaccia, considerandola una cosa da reparto verniciatura di qualche catena di montaggio. 
Invece il futuro ha fatto passi da gigante in pochi anni e si è avvicinato molto pericolosamente a noi. Scettici? Leggete questo libro di Riccardo Staglianò, “Al posto tuo. Così web e robot ci stanno rubando il lavoro” (ed. Einaudi, 2016) per rendervi conto di come l’innovazione tecnologica stia portando nelle aziende sicuramente un miglioramento nei processi ma spesso con dei costi sociali non indifferenti. Staglianò, giornalista de “La Repubblica”, ci porta in giro per il mondo a vedere queste realtà dove ormai fabbriche e magazzini sono abitati solo da efficienti e silenziose macchine. Macchine in grado di svolgere il lavoro degli umani, a costi inferiori, e senza rivendicazioni di nessun tipo. Intendiamoci, la robotica ha indiscutibili vantaggi, libera l’uomo da quei lavori usuranti e nocivi per la salute. Nel frattempo, però, è arrivata Amelia. 
Amelia è un’operatrice del call center ma può anche essere un avvocato e forse in futuro potrebbe diventare anche un medico. Amelia è in grado di apprendere le informazioni che gli vengono fornite. Amelia è un avatar disegnato con i tratti di una donna nordica capace di rispondere al telefono e risolvere i problemi di clienti nervosi oppure di analizzare, al posto di un avvocato, migliaia di pagine di un contratto, evidenziandone i punti critici ai quali rivolgere l’attenzione. Il tutto in una manciata di minuti. Niente più uffici legali impegnati, e pagati, per diverse giornate lavorative.
Medici, giornalisti, avvocati, segretarie possono e saranno sostituite da computer capaci di auto-apprendere e fornire rapide soluzioni anche in quei settori dove il sapere umano, fino a ieri, sembrava essere il confine invalicabile. Notizie da un futuro lontano? Leggendo questo libro sembrerebbe proprio di no. Partecipa anche tu alla discussione sul sito di Manageritalia.

Post popolari in questo blog

I concetti di feedback e feedforward

Il termine feedback è di uso comune soprattutto in ambito aziendale ed organizzativo. A questo però dobbiamo aggiungere un altro termine, poco conosciuto: feedforward. Di cosa si tratta? Come viene definito in psicologia? Anche in questo caso ci faremo aiutare in questa definizione dal libro “Teoria dei sistemi evolutivi” di Ford e Lerner (ed. Cortina).
Segnali di feedback e feedforward I segnali di feedback e feedforward vengono realizzati attraverso segnali di natura informazionale. Per quanto riguarda il feedback esso può essere: Negativo: è il tipo di feedback più conosciuto e ha come scopo quello di ridurre la distanza tra lo stato attuale e l’obiettivo desiderato. Ha come obiettivo il mantenimento della stabilità. Positivo: feedback tendente ad aumentare la differenze tra lo stato effettivo e quello desiderato. E’ il tipo di feedback che produce il cambiamento. Feedforward: è un processo orientato al futuro, implica processi predittivi relativi al modi di ottenere i risultati desider…

Task analysis e job analysis in psicologia del lavoro


Riprendiamo il post della settimana scorsa dove abbiamo parlato del significato del lavoro ed affrontiamo in questo post il tema dell'analisi del lavoro facendo riferimento alle attività di task analysis e job analysis. Anche in questo caso prenderemo come riferimento il testo "Psicologia del lavoro" di Guido Sarchielli (Il Mulino, 2003).
Task analysis e job analysis, cosa sono? Con questi termini intendiamo fare riferimento a metodi di rilevazione e analisi per conoscere come si svolge il lavoro e quali requisiti richiede perché sia eseguito al meglio e con effetti positivi sulle persone. Ci riferiamo, anche in questo ambito, all'ambito di ricerca della psicologia del lavoro.

Il significato del lavoro in psicologia

 
Riprendiamo il post della settimana scorsa dove abbiamo parlato dei cambiamenti nella forza lavoro ed affrontiamo insieme il tema del significato del lavoro e di come questo si sia modificato nel tempo. Anche in questo caso prenderemo come riferimento il testo "Psicologia del lavoro" di Guido Sarchielli (Il Mulino, 2003).

Abbiamo visto, nei post precedenti, come e quanto il lavoro sia cambiato nel corso del tempo. Soprattutto nel settore terziario si assiste ad una trasformazione dei contesti organizzativi.

Trasformazione che vede, in primo luogo, l'"appiattimento" delle gerarchie aziendali oltre a modificare i tradizionali ruoli lavorativi che diventano meno definiti. Cambiano anche i requisiti richiesti ai lavoratori i quali devono avere nuove competenze generali, sociali, cognitive, capacità di autogestione, cooperazione e coinvolgimento personale.