Passa ai contenuti principali

Capire gli altri in 5 secondi. Strumenti pratici per riconoscere velocemente stereotipi e personalità


Ci sono libri che rispondono a uno specifico bisogno del lettore: volontà di approfondire un certo tema aziendale, colmare una lacuna nella propria formazione manageriale, stimolare sguardi sul futuro, pensare a possibili opportunità di sviluppo per il proprio business. Altri libri, pur dichiarando il proprio intento, soddisfano invece in modo inconsapevole un altro bisogno.
È il caso del saggio di Filippo Zizzadoro e Gian Luca Marino “Capire gli altri in 5 secondi. Strumenti pratici per riconoscere velocemente stereotipi e personalità” (2017, Franco Angeli editore). Filippo Zizzadoro, noto formatore, coach e speaker, pubblica questo libro dal titolo promettente, una guida pratica per interpretare con estrema facilità (in cinque secondi appunto) chi abbiamo di fronte e poterlo di conseguenza gestire. Il titolo, pur se molto accattivante dal punto di vista del marketing e finalizzato a richiamare l’attenzione del lettore distratto mentre passa in rassegna gli scaffali in libreria, è in realtà fuorviante.
Fuorviante perché il valore di questo volume consiste invece nel racconto romanzato della vita di un formatore: viaggi, confronti con la committenza aziendale, gestione di casi difficili in aula o durante l’attività di consulenza. Molti libri trattano la formazione con approccio “tecnico”: analisi dei fabbisogni formativi, costruzione del progetto, preparazione del materiale didattico, erogazione in aula e raccolta dei feedback.
Questo libro invece risponde alla domanda “cosa fa un formatore, qual è la giornata tipo di un esperto del settore” in modo differente. Attraverso il “racconto di vita” di Zizzadoro, esperto formatore riusciamo a entrare con lui negli uffici dove si discute con la committenza esigenze e termini dell’intervento formativo. Poi lo seguiamo in aula, insieme alle persone con le quali un formatore si relazione tutti i giorni della sua attività lavorativa. È qui che nasce il “bestiario” umano che ha suggerito il titolo a questo libro, una specie di catalogo suddiviso in cinque “tipi psicologici” nei quali l’autore ha suddiviso il genere umano che tipicamente popola le aule di formazione e più in generale gli uffici, le scuole, le organizzazioni. Cinque stereotipi nei quali, grazie a un breve test contenuto nel libro, ci si può riconoscere e soprattutto, riflettere.
Zizzadoro, in questo libro unisce la sua esperienza d’aula e di conoscitore del genere umano alla sua estrazione di psicologo. Ne nasce un “modello umano” che, anche se non esaustivo di tutte le possibili combinazioni di tratti di personalità umana, fornisce comunque uno strumento utile per chi debba affrontare un “pubblico”. Almeno, se qualcuno seduto in fondo alzerà la mano per interrompervi, cadendo di conseguenza in una delle tipologie delineate dall’autore, saprete come comportarvi. Ci vorranno soltanto cinque secondi.
- See more at: https://www.manageritalia.it/it/management/capire-gli-altri-in-5-secondi-strumenti-pratici-per-riconoscere-velocemente-stereotipi-e-personalit#sthash.eYMQQWnP.dpuf


Post popolari in questo blog

I concetti di feedback e feedforward

Il termine feedback è di uso comune soprattutto in ambito aziendale ed organizzativo. A questo però dobbiamo aggiungere un altro termine, poco conosciuto: feedforward. Di cosa si tratta? Come viene definito in psicologia? Anche in questo caso ci faremo aiutare in questa definizione dal libro “Teoria dei sistemi evolutivi” di Ford e Lerner (ed. Cortina).
Segnali di feedback e feedforward I segnali di feedback e feedforward vengono realizzati attraverso segnali di natura informazionale. Per quanto riguarda il feedback esso può essere: Negativo: è il tipo di feedback più conosciuto e ha come scopo quello di ridurre la distanza tra lo stato attuale e l’obiettivo desiderato. Ha come obiettivo il mantenimento della stabilità. Positivo: feedback tendente ad aumentare la differenze tra lo stato effettivo e quello desiderato. E’ il tipo di feedback che produce il cambiamento. Feedforward: è un processo orientato al futuro, implica processi predittivi relativi al modi di ottenere i risultati desider…

Task analysis e job analysis in psicologia del lavoro


Riprendiamo il post della settimana scorsa dove abbiamo parlato del significato del lavoro ed affrontiamo in questo post il tema dell'analisi del lavoro facendo riferimento alle attività di task analysis e job analysis. Anche in questo caso prenderemo come riferimento il testo "Psicologia del lavoro" di Guido Sarchielli (Il Mulino, 2003).
Task analysis e job analysis, cosa sono? Con questi termini intendiamo fare riferimento a metodi di rilevazione e analisi per conoscere come si svolge il lavoro e quali requisiti richiede perché sia eseguito al meglio e con effetti positivi sulle persone. Ci riferiamo, anche in questo ambito, all'ambito di ricerca della psicologia del lavoro.

Il significato del lavoro in psicologia

 
Riprendiamo il post della settimana scorsa dove abbiamo parlato dei cambiamenti nella forza lavoro ed affrontiamo insieme il tema del significato del lavoro e di come questo si sia modificato nel tempo. Anche in questo caso prenderemo come riferimento il testo "Psicologia del lavoro" di Guido Sarchielli (Il Mulino, 2003).

Abbiamo visto, nei post precedenti, come e quanto il lavoro sia cambiato nel corso del tempo. Soprattutto nel settore terziario si assiste ad una trasformazione dei contesti organizzativi.

Trasformazione che vede, in primo luogo, l'"appiattimento" delle gerarchie aziendali oltre a modificare i tradizionali ruoli lavorativi che diventano meno definiti. Cambiano anche i requisiti richiesti ai lavoratori i quali devono avere nuove competenze generali, sociali, cognitive, capacità di autogestione, cooperazione e coinvolgimento personale.