Passa ai contenuti principali

Capire gli altri in 5 secondi. Strumenti pratici per riconoscere velocemente stereotipi e personalità


Ci sono libri che rispondono a uno specifico bisogno del lettore: volontà di approfondire un certo tema aziendale, colmare una lacuna nella propria formazione manageriale, stimolare sguardi sul futuro, pensare a possibili opportunità di sviluppo per il proprio business. Altri libri, pur dichiarando il proprio intento, soddisfano invece in modo inconsapevole un altro bisogno.
È il caso del saggio di Filippo Zizzadoro e Gian Luca Marino “Capire gli altri in 5 secondi. Strumenti pratici per riconoscere velocemente stereotipi e personalità” (2017, Franco Angeli editore). Filippo Zizzadoro, noto formatore, coach e speaker, pubblica questo libro dal titolo promettente, una guida pratica per interpretare con estrema facilità (in cinque secondi appunto) chi abbiamo di fronte e poterlo di conseguenza gestire. Il titolo, pur se molto accattivante dal punto di vista del marketing e finalizzato a richiamare l’attenzione del lettore distratto mentre passa in rassegna gli scaffali in libreria, è in realtà fuorviante.
Fuorviante perché il valore di questo volume consiste invece nel racconto romanzato della vita di un formatore: viaggi, confronti con la committenza aziendale, gestione di casi difficili in aula o durante l’attività di consulenza. Molti libri trattano la formazione con approccio “tecnico”: analisi dei fabbisogni formativi, costruzione del progetto, preparazione del materiale didattico, erogazione in aula e raccolta dei feedback.
Questo libro invece risponde alla domanda “cosa fa un formatore, qual è la giornata tipo di un esperto del settore” in modo differente. Attraverso il “racconto di vita” di Zizzadoro, esperto formatore riusciamo a entrare con lui negli uffici dove si discute con la committenza esigenze e termini dell’intervento formativo. Poi lo seguiamo in aula, insieme alle persone con le quali un formatore si relazione tutti i giorni della sua attività lavorativa. È qui che nasce il “bestiario” umano che ha suggerito il titolo a questo libro, una specie di catalogo suddiviso in cinque “tipi psicologici” nei quali l’autore ha suddiviso il genere umano che tipicamente popola le aule di formazione e più in generale gli uffici, le scuole, le organizzazioni. Cinque stereotipi nei quali, grazie a un breve test contenuto nel libro, ci si può riconoscere e soprattutto, riflettere.
Zizzadoro, in questo libro unisce la sua esperienza d’aula e di conoscitore del genere umano alla sua estrazione di psicologo. Ne nasce un “modello umano” che, anche se non esaustivo di tutte le possibili combinazioni di tratti di personalità umana, fornisce comunque uno strumento utile per chi debba affrontare un “pubblico”. Almeno, se qualcuno seduto in fondo alzerà la mano per interrompervi, cadendo di conseguenza in una delle tipologie delineate dall’autore, saprete come comportarvi. Ci vorranno soltanto cinque secondi.
- See more at: https://www.manageritalia.it/it/management/capire-gli-altri-in-5-secondi-strumenti-pratici-per-riconoscere-velocemente-stereotipi-e-personalit#sthash.eYMQQWnP.dpuf


Post popolari in questo blog

I concetti di feedback e feedforward

Il termine feedback è di uso comune soprattutto in ambito aziendale ed organizzativo. A questo però dobbiamo aggiungere un altro termine, poco conosciuto: feedforward. Di cosa si tratta? Come viene definito in psicologia? Anche in questo caso ci faremo aiutare in questa definizione dal libro “Teoria dei sistemi evolutivi” di Ford e Lerner (ed. Cortina).
Segnali di feedback e feedforward I segnali di feedback e feedforward vengono realizzati attraverso segnali di natura informazionale. Per quanto riguarda il feedback esso può essere: Negativo: è il tipo di feedback più conosciuto e ha come scopo quello di ridurre la distanza tra lo stato attuale e l’obiettivo desiderato. Ha come obiettivo il mantenimento della stabilità. Positivo: feedback tendente ad aumentare la differenze tra lo stato effettivo e quello desiderato. E’ il tipo di feedback che produce il cambiamento. Feedforward: è un processo orientato al futuro, implica processi predittivi relativi al modi di ottenere i risultati desider…

Voglio un lavoro, anzi due, o tre…Intervista a Emilie Wapnick

Da leggere l'intervista di Davide Mura a Emilie Wapnick pubblicata su Manageritalia.it. Emilie Wapnick, autrice del libro "How to be everything - A guide for those who (still) don’t know what they want to be when they grow up" (pagg. 240, HarperOne) è nata nel 1984 a Montreal. È autrice di canzoni, musicista, web designer, regista, scrittrice, insegnante, imprenditrice e blogger. Ha studiato arte e film making, conseguendo una laurea in legge presso la McGill University. È career & life coach, tiene conferenze per i Ted Talks ed è founder and creative director di Puttylike.com, piattaforma di condivisione dedicata ai multipotenziali e alle carriere multiple. I media internazionali pubblicano regolarmente servizi su di lei, dalla BBC al Financial Times, dall’Huffington Post a Forbes.

Qui e ora: un tagliando alla carriera

È ora di fare il tagliando, non quello alla macchina. So che siete tipi precisi e che a questo avete già pensato, avete portato la macchina a controllare i livelli di olio, acqua, pressione gomme e fare in modo che sia tutto a posto prima della partenza. No, questa volta sto parlando del tagliando alla vostra carriera per rifare la convergenza ai vostri obiettivi e ambizioni professionali.  È stato un anno duro, avete macinato chilometri, sempre in giro tra clienti, riunioni o aerei da prendere, nella fretta però, avete lasciato spento il navigatore e spesso avete smarrito la strada. È arrivato quindi il momento di fermarsi per una sosta e per fare il punto della situazione.
L’occasione per un “passaggio ai box” ci è data dal libro di Andrea Colombo “Qui e ora. Più consapevoli per valorizzare il proprio Talento e raggiungere il vero Successo” (Fausto Lupetti editore, 2016). Non è il classico libro da leggere sotto l’ombrellone, qualche pensiero zen, qualche pratica mindfullness e pro…