Passa ai contenuti principali

Qui e ora: un tagliando alla carriera

È ora di fare il tagliando, non quello alla macchina. So che siete tipi precisi e che a questo avete già pensato, avete portato la macchina a controllare i livelli di olio, acqua, pressione gomme e fare in modo che sia tutto a posto prima della partenza. No, questa volta sto parlando del tagliando alla vostra carriera per rifare la convergenza ai vostri obiettivi e ambizioni professionali. 
È stato un anno duro, avete macinato chilometri, sempre in giro tra clienti, riunioni o aerei da prendere, nella fretta però, avete lasciato spento il navigatore e spesso avete smarrito la strada. È arrivato quindi il momento di fermarsi per una sosta e per fare il punto della situazione.

L’occasione per un “passaggio ai box” ci è data dal libro di Andrea Colombo “Qui e ora. Più consapevoli per valorizzare il proprio Talento e raggiungere il vero Successo” (Fausto Lupetti editore, 2016). Non è il classico libro da leggere sotto l’ombrellone, qualche pensiero zen, qualche pratica mindfullness e pronti per ripartire con gli stessi ritmi a settembre. No, questo libro è impegnativo, richiede fin dalle pagine iniziali di interrogarvi e di mettere giù per iscritto chi siete voi, quali sono i vostri valori, cosa volete diventare. Semplice no? Grandi temi questi che possono generare ancora più confusione se non affrontati con metodo e pragmatismo, qualità queste dimostrate fin da subito dall’autore del libro. Una schiettezza che vi obbligherà a fare il check-up dello stato di usura della vostra vita professionale.
Un “tagliando” suddiviso in diverse aree, dalla ridefinizione della propria Mission e Vision personali, per poi affrontare il tema salute e benessere per migliorare le proprie performance e la gestione delle proprie paure facendo riferimento ai concetti principali del Krav Maga, tecnica di autodifesa nata nelle fila dell’esercito israeliano. Per ogni area dell’officina, l’autore invita un esperto, un professionista di quel settore, una specie di “meccanico” specializzato in una determinata disciplina o area di crescita personale.
È un libro che colpisce per la sua originalità d’approccio, a patto però di superare l’iniziale antipatia delle pagine iniziali, dove l’autore rimarca il suo curriculum di successi ponendosi come modello da seguire per intraprendere il cammino verso un futuro brillante. Scelta questa che ha una sua logica editoriale, permette alle persone che si aggirano in libreria di prendere un libro dallo scaffale, aprire le prime pagine per poi passare all’acquisto, se colpite dalle pagine inziali.
Superata la dose inziale di personal branding, continuate però con determinazione nella lettura delle pagine seguenti. È un libro impegnativo, vi chiederà più volte di riflettere e scrivere cosa siete e cosa volete diventare, ma proprio per questo suo pragmatismo è un libro che ci farà riflettere sulle sfide che ci aspettano dopo la pausa estiva. Buone vacanze.
- See more at: https://www.manageritalia.it/it/management/qui-e-ora-andrea-colombo-fausto-lupetti-editore#sthash.rofvYBGn.dpuf

Post popolari in questo blog

I concetti di feedback e feedforward

Il termine feedback è di uso comune soprattutto in ambito aziendale ed organizzativo. A questo però dobbiamo aggiungere un altro termine, poco conosciuto: feedforward. Di cosa si tratta? Come viene definito in psicologia? Anche in questo caso ci faremo aiutare in questa definizione dal libro “Teoria dei sistemi evolutivi” di Ford e Lerner (ed. Cortina).
Segnali di feedback e feedforward I segnali di feedback e feedforward vengono realizzati attraverso segnali di natura informazionale. Per quanto riguarda il feedback esso può essere: Negativo: è il tipo di feedback più conosciuto e ha come scopo quello di ridurre la distanza tra lo stato attuale e l’obiettivo desiderato. Ha come obiettivo il mantenimento della stabilità. Positivo: feedback tendente ad aumentare la differenze tra lo stato effettivo e quello desiderato. E’ il tipo di feedback che produce il cambiamento. Feedforward: è un processo orientato al futuro, implica processi predittivi relativi al modi di ottenere i risultati desider…

Task analysis e job analysis in psicologia del lavoro


Riprendiamo il post della settimana scorsa dove abbiamo parlato del significato del lavoro ed affrontiamo in questo post il tema dell'analisi del lavoro facendo riferimento alle attività di task analysis e job analysis. Anche in questo caso prenderemo come riferimento il testo "Psicologia del lavoro" di Guido Sarchielli (Il Mulino, 2003).
Task analysis e job analysis, cosa sono? Con questi termini intendiamo fare riferimento a metodi di rilevazione e analisi per conoscere come si svolge il lavoro e quali requisiti richiede perché sia eseguito al meglio e con effetti positivi sulle persone. Ci riferiamo, anche in questo ambito, all'ambito di ricerca della psicologia del lavoro.

Il significato del lavoro in psicologia

 
Riprendiamo il post della settimana scorsa dove abbiamo parlato dei cambiamenti nella forza lavoro ed affrontiamo insieme il tema del significato del lavoro e di come questo si sia modificato nel tempo. Anche in questo caso prenderemo come riferimento il testo "Psicologia del lavoro" di Guido Sarchielli (Il Mulino, 2003).

Abbiamo visto, nei post precedenti, come e quanto il lavoro sia cambiato nel corso del tempo. Soprattutto nel settore terziario si assiste ad una trasformazione dei contesti organizzativi.

Trasformazione che vede, in primo luogo, l'"appiattimento" delle gerarchie aziendali oltre a modificare i tradizionali ruoli lavorativi che diventano meno definiti. Cambiano anche i requisiti richiesti ai lavoratori i quali devono avere nuove competenze generali, sociali, cognitive, capacità di autogestione, cooperazione e coinvolgimento personale.